QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Panico nella più grande fabbrica di iPhone del mondo: i lavoratori cercano di fuggire dopo le voci di morti

I lavoratori fuggono da una gigantesca fabbrica di iPhone in Cina. Alcuni si arrampicano sulle recinzioni con le loro borse e poi scappano a piedi attraverso i campi. Queste sono foto che sono diventate virali sui social qualche giorno fa. Nella fabbrica, gestita dal subappaltatore taiwanese Foxconn, tutte le parti dell’iPhone vengono assemblate a mano e quindi esportate nel resto del mondo. Si dice che vi lavorino più di 200.000 persone. La maggior parte di loro vive anche nel sito della fabbrica.

Ma a metà ottobre, l’azienda è stata chiusa al mondo esterno dopo l’emergere di infezioni da corona. Temendo lunghi blocchi a causa della politica del governo cinese di non diffondere il virus, molti hanno deciso di fuggire. Di conseguenza, l’area intorno allo stabilimento è stata completamente chiusa e anche l’aeroporto deve rimanere chiuso per una settimana. Nella stessa fabbrica, i lavoratori non possono più mangiare in mensa, devono percorrere strade enormi per raggiungere i loro dormitori e devono fare i test Covid quotidiani.

(Leggi di più sotto la foto)

© AP

Leggi anche. In che modo Xi Jinping, l’emarginato con un complesso di inferiorità, è diventato l’uomo più potente del mondo

Stanza 726

Ma il problema più grande è isolare gli infetti. Gli individui che risultano positivi ma non hanno sintomi dovrebbero continuare a lavorare tra individui non infetti, secondo i testimoni. Questi testimoni hanno detto: “La produzione è più importante del benessere umano”. Gli altri, insieme a quelli in stretto contatto con loro che erano passivi, furono posti in completo isolamento. Riceveranno pochissimo o nessun cibo da Foxconn e dovranno vivere in condizioni spaventose.

Si dice che anche quest’ultimo abbia portato a morti. Si dice che le riprese video che circolano sui social media mostrino qualcuno che grida dalla finestra: “Stanza 726. Sono tutti morti”. Il video in questione sarebbe anche uno dei motivi del massiccio tentativo di fuga da parte di diversi dipendenti. Foxconn in seguito ha chiarito in una dichiarazione che non ci sono stati morti nello stabilimento e che il video era stato modificato. Assicurano inoltre che tutti i dipendenti ricevano tre pasti al giorno. I fatti non possono ancora essere verificati in modo indipendente.

(Leggi di più sotto il tweet)

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

60 km a piedi

Il grande spostamento e la chiusura fanno sì che l’azienda abbia paura di aumentare la capacità produttiva. Quindi Foxconn ha offerto ai dipendenti $ 14 in più al giorno la scorsa settimana per continuare a lavorare. Martedì, tale importo è salito a $ 55. Inizialmente, ai dipendenti non era consentito lasciare il sito, ma a causa della massiccia protesta sui social media, Foxconn ha rinunciato. Anche se secondo i dipendenti non è chiaro se di conseguenza perderanno il lavoro e se verranno comunque pagati per il lavoro già svolto.

Leggi anche. Test PCR ogni giorno e due settimane di quarantena: Jana (22) e Yoran (22) sfidano le rigide regole covid in Cina

Gao Mingjun, figlia di un impiegato Foxconn, ha detto New York Times Che sua madre non avesse il virus, ma sia stata messa in quarantena dall’azienda insieme a un collega. Il risultato di quel collega è tornato positivo in seguito. Sabato, la donna ha deciso di uscire dal cancello d’ingresso della Foxconn con un centinaio di dipendenti. Non sono autorizzati a utilizzare i mezzi pubblici, quindi la donna è partita a piedi. 60 km di viaggio. Domenica sera, dopo aver camminato giorno e notte, è tornata a casa esausta con mal di piedi e vesciche. “È stato un viaggio molto lungo. Sicuramente non tornerà alla Foxconn.”

READ  Anche i clienti dell'energia ambientale non scappano più: la cooperativa energetica aumenta drasticamente le tariffe elettriche