QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Papa Giovanni Paolo II sapeva degli abusi sui minori molto prima di quanto si sapesse fino ad ora

Giovanni Paolo II – o Karol Wojtyla – è stato eletto Papa nel 1978. Ma quando era ancora arcivescovo, nella sua diocesi c’erano già sacerdoti che abusavano di bambini. Lo emerge da una nuova ricerca condotta da anni dal quotidiano olandese Trouw negli archivi del Servizio di sicurezza polacco.

I materiali di questi archivi hanno uno status controverso in Polonia a causa dei metodi utilizzati dai servizi di sicurezza sotto il regime comunista. Poiché contiene anche atti giudiziari e vecchie testimonianze delle vittime, è ancora possibile ottenere nuove prove dai documenti d’archivio. Ciò dimostra che un papa successivo era a conoscenza degli abusi sui minori molto prima di quanto si pensasse in precedenza. In alcuni casi, il trasferimento di un sacerdote ha portato a nuovi abusi.

Secondo Trouw, nel 1971 un papa successivo dovette continuare il lavoro minorile dopo aver abusato di un ragazzo. Anche quando quest’uomo fu condannato per abuso da un tribunale nel 1973, il futuro papa gli permise di continuare a servire come sacerdote. In un’altra parrocchia l’uomo ha nuovamente aggredito i ragazzi.

Ad oggi, il 1985 è stato il primo momento noto in cui Giovanni Paolo II è venuto a conoscenza degli abusi sui minori nella Chiesa. Poi gli è stato consegnato un rapporto di Thomas Doyle, che descriveva in dettaglio i primi casi di adulterio contro sacerdoti americani. Il Papa non è intervenuto dopo questo, e negli anni ’90 ha lasciato indisturbati anche altri ecclesiastici anziani, nonostante le accuse credibili secondo cui questi uomini avevano abusato di bambini. Papa Giovanni Paolo è morto nel 2005 ed è stato canonizzato nel 2014.

READ  AIEA: “La centrale nucleare di Zaporizhzhya è nuovamente disconnessa dalla rete” | Notizia