QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Parte della classe politica gioca con il fuoco’

“Non c’è problema con l’Italia sull’orlo del collasso”, ha detto Beda Romano, scrittrice e corrispondente da Bruxelles del quotidiano economico Il Sole 24 Ore, “ma nella situazione attuale è ‘pericoloso’ provocare una crisi politica. ”

L’Italia è ancora una volta intrappolata in una tempesta politica. Il primo ministro italiano Mario Draghi ha rassegnato le dimissioni giovedì dopo che uno dei partiti della coalizione nel voto di fiducia, il Movimento Cinque Stelle, si è dimesso. Il presidente Sergio Mattarella ha temporaneamente respinto le dimissioni e ha concesso a Draghi una settimana per chiarire la situazione. Non è del tutto chiaro se funzionerà.

Perché questa crisi?

Peta Romano: Il governo di Mario Draghi è salito al potere nel febbraio 2021 come governo di unità nazionale, con quasi tutti i partiti in parlamento tranne Fratelli d’Italia di estrema destra. La maggioranza su cui faceva affidamento il governo Draghi era ampia ed è arrivata quando l’Italia è uscita dalla crisi del corona e ha dovuto negoziare un piano di salvataggio e un pacchetto di sostegno di non meno di 200 miliardi di euro con la Commissione europea. Ma una coalizione così ampia è certamente un po’ innaturale. Quindi era prevedibile che alcuni partiti avrebbero cominciato a definirsi alla fine del regime.

Questo è ciò che stiamo vivendo ora. Il Movimento Cinque Stelle (M5S) in particolare sta cercando di differenziarsi. Il partito ha perso il suo sostegno dopo le ultime elezioni. Inoltre, poche settimane fa, uno dei vertici del partito, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, ha deciso di creare una propria formazione politica. L’attuale leader del Movimento Cinque Stelle, l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dovrà impegnarsi ancora di più per arrivare al vertice.

READ  E-Commerce in Italia: sfrutta subito le tue opportunità

Provocare una crisi di governo non è sempre una strategia gratificante?

Romano: Veniamo poi alla psicologia italiana (ride)Dovresti sapere che l’Italia è un Paese dove non è un problema vivere sull’orlo del collasso.

Qual è il ruolo di Mario Draghi in questa crisi?

Romano: C’è chiaramente grande rivalità e conflitto personale tra il presidente del Consiglio Draghi e il suo predecessore Giuseppe Conte. A fine giugno, la stampa italiana ha rivelato una conversazione tra Mario Draghi e Pepe Grillo. Si dice che Draghi abbia chiesto a Grillo di licenziare Conte in quella conversazione, anche se il suo portavoce lo smentisce. Ma indovina un po’, Conte non era contento di quella conversazione trapelata. Ha anche un ruolo in questa crisi.

L’Italia è abituata a barcollare sull’orlo del collasso, dici, ma quanto è dannosa per l’Italia questa crisi con inflazione, debito pubblico alle stelle, deficit di bilancio e altro?

Romano: La situazione è molto difficile. Come dici tu, c’è alta inflazione, ma c’è anche il rischio di recessione, nervosismo dei mercati finanziari, carenza di gas. Parte della classe politica italiana sta giocando con il fuoco.

Ma Draghi ha anche la maggioranza parlamentare senza il sostegno del M5S. Allora perché si è dimesso?

Romano: Probabilmente preferisce ordinare a tutti in quel modo. Ed è assistito dal presidente Mattarella, che rifiuta di dimettersi e cerca di stabilizzare la situazione. Ma non è successo. Ora le opzioni sono tre: il governo Draghi continuerà comunque con o senza il M5s. Verrà formato un nuovo governo con un nuovo primo ministro. O ci saranno elezioni anticipate questo autunno. È impossibile dire ora quale sarà.

READ  A Thierry New, ha vinto il rally in Italia

Scrivi sul tuo blog che questo collante di governo potrebbe arrivare a 200 miliardi da Bruxelles?

Romano: Sembra provocatorio, ma l’Italia ha un sacco di soldi in arrivo. E tutti i partiti di coalizione di questo governo fanno spesso parte dei governi regionali e locali. Quando si tratta di distribuire questa manna europea, quelle parti vogliono naturalmente avere il controllo.