QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pasta e passione in provincia di Venezia: un’avventura culinaria

Pasta e passione in provincia di Venezia: un’avventura culinaria

Come scrittore di viaggi con un debole per lo slow food e le tradizioni locali, a volte mi trovo in situazioni strane. Questa volta ho scoperto la pasta veneta, anche se questa regione è più famosa per il risotto. Ma nulla avrebbe potuto prepararmi al giorno in cui ho quasi ceduto alla pasta nella campagna veneta.

Mangia come una persona del posto quando mangi la pasta a Venezia

Tutto è iniziato in modo abbastanza innocente. Sono stato invitato con tre influencer di Instagram (un modello che sto ancora cercando di capire) ad esplorare gli chef della provincia di Venezia. La nostra prima tappa: Tenuta Cordirago Dentro Lama Pesoli, una bellissima tenuta di nuova costruzione che promette una vetrina di pastai locali. Ho sempre creduto che per comprendere veramente una cultura, bisogna mangiare come mangia la gente del posto. Ma mentre mi sedevo a pranzo, mi sono reso conto che avrei potuto spingere questa filosofia un passo troppo oltre. Il nostro ospite è curioso Raffaello Dummico Di Pasta BorellaC’era uno sguardo nei suoi occhi che avrebbe dovuto essere il mio primo avvertimento.

Tenuta Cordirago – Schizari Eventi – Via San Francesco d’Assisi, 412 Località, 45010 Serignano RO – https://www.schiesarieventi.com

“Oggi celebriamo la gloria della pasta veneziana!” Non sapevo che questa “celebrazione” avrebbe incluso non uno, non due, ma quattro portate di pasta. Ben 4 volte come antipasto, poi come portata principale. E dolce.

Le prime due portate consistevano nel tortellone fresco di Il Tortellaio Matto, un piccolo laboratorio di Bora Pisano (vedi sotto). Questi morbidi guanciali di pasta, ripieni di ricotta leggera e pomodorini datterini locali, sono una rivelazione. Ogni boccone era una testimonianza dell’abilità artigianale di Sarah, la maga della pasta che avrei incontrato più tardi, sotto le cui mani ingredienti semplici possono diventare arte commestibile.

Poi è arrivato Quello di Raffaello Con orgoglio in tavola: due portate con varietà secche Pasta Borella. I Picoli, una pasta spessa simile agli spaghetti veneta, hanno avuto un morso soddisfacente grazie all’impasto all’uovo. I subioti, una pasta corta rigata, trattenevano il sugo con una tenacia da farmi invidia di tutto il mio piatto.

READ  La Nouvelle Auberge si ispira all'Italia e quest'estate porta il paese a Tilburg!

Ente Acque della Provincia di Venezia

Mentre i miei compagni di cena – tutti francesi e tutti apparentemente resistenti alla malattia dei carboidrati – facevano roteare con attenzione le forchette sulla pasta, fui intrappolato in un conflitto interno. Una nota a parte: la mia educazione vieta severamente lo spreco di cibo. Il rovescio della medaglia: la vera paura di esplodere se mordo di nuovo. Fu allora che notai che Rafael ci guardava, il luccichio nei suoi occhi non era più visibile. È una prova? Un bizzarro complotto per portare un gruppo di ignari influencer (e un ignaro scrittore di viaggi) a mangiare pasta a Venezia?

Tortellini freschi realizzati dal Giardino Botanico delle Erbe dell'Università di Padova e Tortellio Matteo

Mentre stavo valutando un modo sensato per allentarmi i pantaloni, la salvezza è arrivata sotto forma di portata principale: guanciale di maiale brasato in salsa di pomodoro e vino. Mentre la carne tenera si scioglieva sulla mia lingua, dimenticai il panico indotto dai carboidrati. Questo, ho pensato, valeva il disagio. Incapace di resistere, mi alzai dal tavolo e andai in cucina. Lì ho incontrato le menti dietro questa sinfonia culinaria: Chef Bernardini. Mentre condivideva i suoi audaci segreti, mi sono reso conto che qui, in questa cucina, la vera storia non sta in quei raffinati post su Instagram o in quelle esperienze attentamente curate, ma nella conoscenza tramandata attraverso generazioni di famiglie e nella paziente attesa di una salsa. Cuocere a fuoco lento per sette ore e completare il piatto con vini locali accuratamente selezionati.

Alpi Brenda e Mulino sul fiume Brenda a Padova

Mentre tornavamo a bordo della navetta, ci aspettava la nostra prossima destinazione: Il Tortellaio Matto a Boara Pisano. Nonostante il mio stress per quella pasta, non vedevo l’ora di fare questa visita. Del resto avevo già assaporato il risultato della loro lavorazione artigianale; Ora vedo la magia in azione.

Il Tortellaio Matto a Boara Pisano

Il workshop è stato molto intenso e si è concentrato su: Sara, il già citato mago della pasta. Le sue mani si muovevano con una velocità e una precisione che stupirono tutti noi. In pochi minuti ha trasformato una pila di pasta in mezzo chilo di tortellini perfettamente formati. Intanto il fratello Sam ci racconta i progetti dell’azienda: portare il gusto di questa pasta fatta in casa sulle tavole di Venezia e non solo.

READ  L'Italia ha registrato 627 decessi da virus corona mercoledì, con 13.708 nuovi casi

Un affresco di Giotto a Padova e Il Tortellio Matteo a Bora Pisano

Mentre Sarah dimostrava l’arte della pasta, mi è venuto in mente il contrasto tra questa piccola azienda familiare e la rigorosa efficienza dei grandi produttori come Porala. Tuttavia le due aziende si avvicinano nel loro impegno verso la qualità e la tradizione. La filosofia di Il Tortellaio Matto Semplice: portare in tavola, sia a casa che al ristorante, il profumo e il gusto della pasta fatta in casa. La loro cucina aziendale è una chiara testimonianza di questo impegno. Qui farina di grano tenero, semola di grano duro e uova fresche vengono impastate da mani sapienti e macchine semplici. La pasta è sempre fresca, senza conservanti né trattamenti termici, e la qualità degli ingredienti è preservata.

Pasta Art a Padova e Venezia

La loro gamma è impressionante: dai Bikoli locali alle varietà più comuni Lingua E Spaghetti Alla Chidarra. Offrono anche varianti come pasta di calamari, pasta al cacao e vivace pasta verde agli spinaci. Ogni varietà nasce da una tavolozza di sapori veneti. Mentre osservavamo il lavoro di Sara, Sam ci ha parlato dell’ampliamento della gamma e dell’obiettivo di servire più ristoranti in Veneto. Ma nel frattempo mi chiedo: quanto potranno sopravvivere questi metodi tradizionali nell’era della produzione di massa?

Il Tortellaio Matto – Via I Maggio, 57, 35040 Boara Pisani PD – Tel. 345 106 0541 – Sito web: http://iltortellaiomatto.it/

La confezione sembra realizzata in Italia 100 anni fa, e questa è l’intenzione

Confezione in stile retrò della pasta Borella

IL Confezione retrò È rimasto immutato dal 1937 e sembra essere stato catturato in una capsula del tempo. Situato a Porala Kamponokara, non lontano dalla casa natale di Piccoli a Bassano del Grappa, e produciamo pasta dal 1935. Ne abbiamo assaggiati i diversi formati – i picoli spessi, le penne rigate, gli unici subioti – e Rafael ci racconta la storia dell’azienda di famiglia. . Quasi 100 anni dopo, sono ancora guidati dall’amore per il cibo buono e genuino e dalla passione per la riscoperta di antiche ricette tradizionali.

READ  Il Sassuolo torna ad affittare con opzione di riscatto

Ma soprattutto le salse di Rafael sono per me il punto forte. La sua salsa di acciughe, una delle preferite dai veneziani, è stata una rivelazione. I cinghiali e le anatre hanno programmato un viaggio di ritorno prima di partire. Mentre il sole cominciava a tramontare sulla campagna veneta, proiettando un bagliore dorato sui campi dove cresceva il grano per questa pasta, ho ripensato alle avventure della giornata. Dalla piccola azienda familiare Il Tortellaio Matto alla Pasta Borella con la sua lunga storia. In Veneto ho visto dedizione e passione nel preservare le tradizioni culinarie.

Borella & C. S.R.L – N via Industria. 49 30010 Camponogara Venezia -Tel. +39 041 4174391 – E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. JavaScript deve essere abilitato per visualizzarlo. – Sito web: https://www.pastaborella.it/

Eroi della cucina veneziana

Tenuta Cordirago

Gli artigiani dei tortelloni freschi o delle ricette rustiche di pasta sono gli eroi non celebrati della cucina italiana. Li potete annoverare tra i custodi dei sapori che hanno soddisfatto generazioni, i custodi delle tecniche tramandate di famiglia. Sì, forse avrei ceduto alla pasta quel giorno. Ma sarebbe stato un modo glorioso di morire. Mentre faccio le valigie e già pianifico la mia prossima visita alla scoperta dei tanti tesori culinari della regione, non posso fare a meno di sorridere delle storie che racconto.

Dopotutto, non è questo il viaggio? Aiutiamo a preservare le storie che raccogliamo, i sapori che assaporiamo e le tradizioni che condividiamo con il mondo. Venite dunque, cari lettori, nella provincia di Venezia. Vieni per la pasta, resta per le storie e parti con un profondo apprezzamento per gli artigiani che mantengono vive le tradizioni culinarie.

Non dimenticare di portare pantaloni larghi. prendilo da me

Video Tenuta Cordiraco vicino Venezia