QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Peltiger Rena Stam scrive in Francia “Cos’è oggi?” Un libro triste e talvolta divertente sulla demenza

Rina Stam con sua madre. La foto allegata

Rina Stam presenterà il libro “Che giorno è oggi?” Questa primavera. Questa storia è scritta in gran parte dai pensieri di sua madre, che soffriva di demenza per anni ed è morta lo scorso marzo. “All’inizio della sua malattia, sua madre chiedeva spesso che giorno fosse. A quel tempo scrivevo spesso un libro dal titolo ‘Un giorno'”, dice Rina, che l’anno scorso si è trasferita in Francia da Belt-Schütslot. Ci ho lavorato molto negli ultimi mesi”.

Dopo la necessaria ristrutturazione, ho trovato il tempo nella calma e nella natura per scrivere il libro. Nonostante “Che giorno siamo?” È un misto di realtà e finzione e attinge in gran parte dalla propria esperienza. Sua madre soffriva di demenza come sua nonna e bisnonna. “Ha iniziato a dimenticare. All’epoca viveva con noi. Lentamente la malattia si è insinuata in lei e nelle nostre vite. Dopo tredici anni in una casa di riposo, mia madre è morta questa primavera”, dice Rina.

Sul processo della malattia

Nonostante i suoi momenti di miseria e disperazione, non si limita a guardare negativamente alla malattia di sua madre. “Quello che mi ha colpito di più è che la malattia non è in una linea discendente ristretta. Anche poco prima della sua morte, mia madre a volte ha avuto un momento di lucidità. Sono convinto che le persone con più demenza nuotino l’anima tra cielo e terra. Il processo iniziale in cui ho notato l’inizio della demenza. Scioccante. Ma in seguito, il processo è particolarmente difficile per gli altri. Vediamo ancora i nostri cari perché siamo persone sane, ma non si conoscono più come noi. Dopo l’iniziale periodo di demenza, accompagnato da rabbia e dubbio, Ma lentamente trovò la pace e poi la sua personalità tornò gentile e allegra ad apparire.”

esperienza spirituale

La cosa speciale è che Rina descrive la maggior parte del libro dalle idee di sua madre. E questo mentre la madre non l’ha mai condiviso. Rina la considera un’esperienza spirituale. “Mentre ero seduto davanti al mio laptop, ho chiuso gli occhi e ho chiesto a mia madre come avesse sofferto della malattia. Poi ho avuto il testo in testa e le mie dita sono volate naturalmente sulla tastiera. Sono rimasto bloccato alla fine del il libro. Ho fatto fatica a lasciare che la storia finisse con la morte della protagonista, mia madre, mentre era ancora viva. Poi ho chiuso di nuovo gli occhi e le ho chiesto come avrei dovuto finire il libro. “Lasciami morire, “Ho sentito quello che diceva nel suo accento. Ho scritto il finale allora e dieci giorni dopo mia madre era già morta. Il libro è finito e lei può andare.

triste e divertente

‘Che giorno siamo? ‘È un libro ben noto per le persone che, per qualsiasi motivo, hanno a che fare con la demenza. Senza dubbio altri sono sorpresi dal processo della malattia e dai suoi effetti sui loro cari. Rina descrive tutto, dai primi segni di dimenticanza alle esperienze nei centri di cura e infine al processo di morte. Ciò si traduce in molte esperienze tristi, spaventose e divertenti. Nella prima parte la protagonista Frances descrive la sua patologia, nella seconda parte è fondamentale la storia della figlia Stella.

Ordine in prevendita del libro

“Che giorno siamo?” Dovrebbe essere rilasciato alla fine di maggio. Il libro è ora in vendita in prevendita (15 euro anziché 18.50) via www.boekenvanrina.nl / libro -1 o entro rinastam@hotmail.com † SEGUITE ANCHE LA PAGINA FACEBOOK https://www.facebook.com/profile.php?id=100074737898575 † Dopo il rilascio, Rina Stam terrà conferenze e presentazioni sul libro e le sue esperienze con la demenza. Sono già state concluse le prime convenzioni con centri di cura a tal fine.

READ  Attenzione alla Giornata mondiale dell'Alzheimer nello Steenwijkerland