QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Per la prima volta viaggiare in elettrico: “ritorno in Italia, ma meno sud”

Per la prima volta viaggiare in elettrico: “ritorno in Italia, ma meno sud”

Un cartello “chiuso” è appeso sulla porta del negozio di alimentari di Steph e Mike per due settimane mentre si godono una meritata pausa nel loro paese di vacanza preferito, l’Italia. Per la prima volta ci sarà un viaggio ‘full electric’. Viaggiare in auto elettrica: come si preparano e ci sono ancora incertezze? Abbiamo chiesto loro.

Steph (59) e Mike (61) gestiscono un famoso negozio di alimentari nel centro del Kent. Loro stessi vivono dietro l’angolo. Non hanno bisogno dell’auto molto spesso, motivo per cui recentemente hanno scelto consapevolmente un’auto elettrica. Steph: “Come lavoratore autonomo, ovviamente acquisti un veicolo elettrico perché è economicamente interessante, ma per noi un argomento chiave è l’energia rinnovabile. Nelle conversazioni con i nostri clienti noto che molte persone nutrono ancora una certa resistenza alla guida elettrica.

Prima volta in vacanza alla guida di un veicolo elettrico

Con 1.200 km davanti a sé, Steph non si preoccupa facilmente. “A mio marito piace raccontare storie molto positive a riguardo”, ride Mike. Steph dice: “Se sei stressato dalla ricarica, è meglio non comprare un veicolo elettrico, ma mi trovo molto a mio agio. Ho tre app sul mio smartphone. Punti di ricarica veloce in tutta Europa. App Fastnet Mappa l’intero percorso. Per questo primo viaggio con un veicolo elettrico, abbiamo fatto la scelta consapevole di non andare troppo a sud, saremmo arrivati ​​in due giorni e ritorno, e ci saremmo fermati sempre ogni poche ore per ricaricare.

“Un consiglio che ho ricevuto da un cliente: non riporre i cavi di ricarica sotto le valigie, ma mettili sopra i bagagli.” Sembra ovvio, ma non sarai il primo vacanziere a dover svuotare il bagagliaio in prima persona. Non importa come crei maggiore tranquillità: Alloggio con possibilità di carico Libri. “È diventato il nostro terzo criterio, oltre alla piscina e alla colazione”, ride Steph. “Ho prenotato anche una stazione di ricarica alla nostra fermata, un hotel a Basilea.”

READ  Chiesa Templare del XIII secolo a San Bevignet, vicino a Perugia

“Ho un consiglio: non riporre i cavi di ricarica sotto i bagagli.”