QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Per una riunione d’emergenza a Mendes Italia, Ronaldo offre

25 agosto 2021 Jorge Mendes è sbarcato mercoledì sera a Torino per un incontro d’urgenza con Cristiano Ronaldo. L’attaccante 36enne è sempre più associato all’abbandono della Juventus e si dice che abbia messo gli occhi sul trasferimento a Manchester. Secondo il giornalista Niccol ஷ Shira, al potente inglese Ronaldo è stato offerto un contratto.


Molto è stato detto e scritto sul futuro calcistico di Ronaldo negli ultimi giorni. La verità è che domenica scorsa il portoghese ha giocato in panchina contro l’Udinese alla Juventus. Su sua stessa richiesta, si dice che voglia trasferirsi, anche se a Torino è stato riferito che è stata una decisione dell’allenatore Massimiliano Alegri. Ma dove c’è fumo ci sarà probabilmente fuoco. Le voci continuano e molti media rispettabili credono fermamente che un trasferimento migliore sia un duro lavoro.

Tuttavia, c’è ancora tempo per finalizzare l’accordo. Inoltre, ci sono alcuni club che potrebbero catturare Ronaldo dalla Juventus. Secondo l’esperto di trasferimenti Fabricio Romano, solo Chelsea, Liverpool, Manchester City e Manchester United sono in grado di firmare la stella portoghese. Di quei club, il City ha la migliore prova perché Ronaldo mirava ad avanzare verso i campioni d’Inghilterra.

Shira, un altro giornalista italiano in cima al messaggio di trasferimento, afferma che Ronaldo ha in tasca un’offerta dal Manchester City. L’attaccante può firmare nel Regno Unito per due anni. Presumibilmente, Ronaldo dovrà scendere a compromessi per questo. La città non vuole sfruttare appieno lo stipendio che i portoghesi guadagnano dalla Juventus (circa 31 milioni di euro). Inoltre, il City non ha ancora raggiunto un accordo con l’attuale allenatore di Ronaldo. Si preannuncia un interessante ultimo giorno del mercato estivo.

READ  Lavasa, una caffettiera italiana, paga un bonus di registrazione per il lavoro durante le epidemie