QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Perché essere meno pigri degli scimpanzé ci fa vivere più a lungo

Uno studio di Harvard ha fornito una spiegazione evolutiva dettagliata del motivo per cui gli scimpanzé hanno un’aspettativa di vita di soli 40 anni, mentre gli umani hanno facilmente 30 anni in più. Rimanere attivi tutta la vita è il segreto…

“È un’idea diffusa nel mondo occidentale che sia normale rallentare un po’ quando si invecchia. Ci ritiriamo e diventiamo meno attivi fisicamente”, dice. Daniel Lieberman, un biologo evoluzionista presso Università di Harvard e autore principale dello studio pubblicato su PNAS, Atti della National Academy of Sciences, USA.

“Ma il nostro messaggio è esattamente l’opposto: con l’avanzare dell’età, diventa ancora più importante mantenere la nostra attività fisica”, ha detto Lieberman, che sostiene che la mancanza di attività fisica aumenta il rischio di malattia e riduce la longevità.

Banche

scimpanzé Dà un cattivo esempio in questo senso. In natura, vivono solo per un massimo di 40 anni e raramente vivono a lungo dopo la menopausa. Queste grandi scimmie sono significativamente meno attive della maggior parte degli umani, il che indica che nell’evoluzione umana c’è stata la scelta non solo di vivere più a lungo, ma anche di essere più attivi fisicamente.

“Essenzialmente, ci siamo evoluti da pantofolai”, sostiene Lieberman, e aggiunge che l’immagine che abbiamo che la durata della vita umana non fosse molto lunga fino a poco tempo fa è sbagliata. Le prove fossili mostrano che a partire da 40.000 anni fa, una durata di vita di 70 era del tutto normale per gli esseri umani.

Ricostruzione più forte

L’attività fisica è fisiologicamente stressante e provoca danni al corpo a livello molecolare, cellulare e tissutale. Tuttavia, sarebbe salutare e prolungare la vita? Come è successo?

READ  Ecco perché non sopporti il ​​rumore del cibo di qualcun altro. e lui ...

La risposta è che i nostri corpi ricostruiscono questo danno in un modo più forte: riparando le lacrime nel tessuto muscolare, riparando i danni alla cartilagine e guarendo le microfratture. L’esercizio rilascia anche antiossidanti e sostanze che combattono le infiammazioni e migliorano la circolazione sanguigna. Questo riduce il rischio Diabete, obesità, cancro, osteoporosi e Alzheimer occupazione depressione. Quindi ci fa invecchiare sani (ehm).

10-20 minuti al giorno

“Ci siamo evoluti per rimanere attivi per tutta la vita. In passato, l’attività fisica quotidiana era essenziale per la sopravvivenza, ma oggi dobbiamo scegliere di esercitare, impegnandoci in attività fisica volontariamente per la nostra salute e forma fisica”, afferma Lieberman. “La buona notizia è che non devi essere così attivo come cacciatore-raccoglitore. Anche piccole quantità di attività fisica – solo 10-20 minuti al giorno – riducono notevolmente il rischio di morte”.