QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Perché scattare foto del tuo cibo non è una cattiva idea?

Perché scattare foto del tuo cibo non è una cattiva idea?

Almeno se lo dici ai nutrizionisti Università Curtin Chiede. Hanno studiato quanto bene le persone sanno cosa mangiano, ed è stato deludente.

Quasi tutti conoscono qualcuno che non mangia un boccone di cibo prima di avergli scattato una bella foto. Preferibilmente da una prospettiva alta e con un fiore o una candela decorati. Bello per i follower di Instagram, meno divertente per un commensale. Ma l’abitudine di fotografare il tuo cibo è molto più di un semplice vantaggio Piace O gli sguardi infastiditi dei ricercatori Università Curtin Scopri che è il modo perfetto per controllare la dieta di qualcuno. Le immagini sono molto più accurate delle quantità di cibo riportate dai soggetti stessi.

Hanno concluso questo dopo aver confrontato diversi metodi di reporting per i partecipanti a uno studio nutrizionale. I partecipanti dovevano indicare in modi diversi cosa avevano mangiato e quanto avevano mangiato nelle 24 ore precedenti. Uno di questi metodi richiede che i partecipanti scattino una foto di tutti i loro pasti. Queste immagini sono state poi analizzate da un dietista ricercatore.

Dieta della popolazione
Ha dimostrato che le persone del gruppo che hanno scattato foto del loro cibo avevano una panoramica più accurata del loro apporto nutrizionale, rispetto ai partecipanti che dovevano ricordare cosa mangiavano. Ciò non è utile solo per i partecipanti stessi, ma può essere utilizzato anche per piani dietetici professionali e per ricerche su larga scala sulle abitudini alimentari della popolazione. “Dati accurati e affidabili su ciò che mangiano i residenti sono fondamentali per aiutare le persone a migliorare la propria salute”, ha affermato la ricercatrice Clare Whitton.

Dimenticare ciò che mangiano
Al momento è difficile verificare esattamente cosa mangiano le persone. Le persone spesso dimenticano esattamente cosa hanno mangiato e inconsciamente lo attenuano un po’. “Questo studio dimostra che la valutazione nutrizionale può effettivamente essere accurata”, ha affermato Wheaton. Inoltre, scattare una foto è molto più semplice per il partecipante o il paziente che ricordare tutto o tenerne traccia manualmente. “Rende più facile per le persone tenere traccia di ciò che consumano se tutto ciò che devono fare è scattare foto della giornata”, ha affermato Deborah Kerr, leader della ricerca e co-inventore del telefono cellulare. Applicazione per il registro degli alimenti che i ricercatori hanno utilizzato.

READ  PAHO: “Nonostante gli sforzi e il generoso sostegno dei donatori, molte popolazioni vulnerabili rimangono non protette”

Consigli nutrizionali automatici
In realtà è un lavoro extra per il ricercatore o il professionista. Sebbene i dati siano più completi, i ricercatori hanno dovuto analizzare le immagini manualmente. Kerr ritiene che, tuttavia, questo processo potrebbe essere molto più semplice in futuro. “Soprattutto quando automatizzeremo completamente l’analisi degli alimenti nelle immagini, con i progressi nella tecnologia dell’intelligenza artificiale, ciò non dovrebbe richiedere molto tempo Università di Purdue Utilizzare l’intelligenza artificiale per analizzare automaticamente gli alimenti nelle foto.

I ricercatori sperano che questo metodo non solo fornisca informazioni su cosa mangiano i gruppi demografici, ma possa anche aiutare a fornire consigli nutrizionali accurati per le persone che vogliono mangiare più sano.

Guardando il cibo
Non solo scattare foto fa bene alla tua dieta, ma anche guardarle può fare miracoli. Gli scienziati lo hanno scoperto quando hanno chiesto alle persone di guardare trenta volte l’immagine di un M&M e poi hanno chiesto loro di immaginare che stavano mangiando il cibo nell’immagine. Quello che è successo? Questo di per sé può essere sufficiente per farti sentire pieno. Questo perché pensare di mangiare e farlo effettivamente stimola le stesse aree cerebrali del cervello. Tuttavia, un solo pensiero sul cibo non soddisferà la tua fame. Lo studio ha concluso che l’effetto saturante si ottiene solo dopo trenta ripetizioni.