QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Perché ti stanchi di pensare troppo a lungo: il glutammato

Per trovare indizi, hanno utilizzato la spettroscopia di risonanza magnetica (MRS) per monitorare i processi chimici nel cervello nel corso di una giornata lavorativa. La MRS è una tecnica specializzata associata alla nota risonanza magnetica, la risonanza magnetica.

Hanno usato questa tecnica per guardare due gruppi di persone: uno che doveva pensare seriamente e uno che doveva svolgere compiti cognitivi relativamente più facili.

Solo nel gruppo assegnato a compiti difficili hanno notato indicatori di affaticamento, comprese pupille meno dilatate. Le persone in questo gruppo hanno anche mostrato un cambiamento nelle loro scelte verso scelte che avrebbero prodotto ricompense a breve termine e con poco sforzo.

Essenzialmente, hanno anche livelli più elevati di glutammato nelle sinapsi nella corteccia prefrontale. Il glutammato è il cosiddetto neurotrasmettitore, una sostanza di segnalazione che trasmette gli impulsi nervosi tra le cellule nervose e una ghiandola o cellule muscolari, e le sinapsi sono i punti di contatto in cui avviene questa trasmissione.

Combinato con prove precedenti, ciò supporta la teoria secondo cui l’accumulo di glutammato rende più difficile l’attivazione della corteccia prefrontale. Questo, a sua volta, rende più difficile il controllo cognitivo dopo una giornata di lavoro mentalmente dura.

READ  Interazioni farmacologiche nelle malattie della tiroide