QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Peter Vandenpumpt: “Il calcio è un gioco e il ciclismo è uno sport? È ormai superato da tempo” | Opinione

Peter Vandenbett è d’accordo con Thibaut Courtois. I migliori giocatori di calcio devono giocare molte partite. “Che guadagni 100 euro o 100 milioni: il corpo umano ha i suoi limiti”, dice il nostro corrispondente.

Dopo le due sconfitte in Nations League, Thibaut Courtois ha sputato amaramente sul fitto calendario calcistico. “Quando ci riposeremo? Mai. Non siamo robot”, ha detto il portiere della nazionale.

Il commentatore di calcio Peter Vandenbett capisce Courtois: “Ha ragione, gli sto dando un eccesso di destra”.

“Se parli con i supervisori medici dei migliori calciatori, ti verrà detto che la quantità di sforzo non è più salutare”.

Courtois ha giocato 60 partite in questa stagione. È una cosa troppo buona?

“Questo è miope”, risponde Vandenbet. “Il calcio non era più uno sport 20 o anche 10 anni fa. I luoghi comuni ‘Il calcio è un gioco e il ciclismo è uno sport’ penso che siano superati da tempo”.

“Il calcio sta diventando più intenso. Gli studi dimostrano che il chilometraggio dei giocatori e lo sprint sono aumentati del 40% negli ultimi anni”.

“Sforzi come questo richiedono più recupero, ma ce ne sono pochi. Soprattutto per i grandi giocatori che vanno sempre più in profondità negli ultimi turni di tornei o tornei”.

Peter Vandenpet

Thibaut Courtois ha giocato 60 partite quest’anno: 51 per il Real e 9 per il Belgio.

Il calcio è diventato più intenso. Il chilometraggio del giocatore e il chilometraggio dello sprint sono aumentati del 40% negli ultimi anni.

Peter Vandenpet

“L’errore di sindacati e club”

“E ci sono sempre nuovi tornei – come la Nations League – o stanno espandendo le competizioni”, continua Peter Vandenbett. “In Champions League, ad esempio, i partecipanti giocheranno 10 partite del girone invece di 6”.

Grazie UEFA e FIFA. “Questi due stanno litigando in questo momento”, spiega il nostro commentatore. “Entrambi vogliono controllare il calendario.”

“La FIFA vede la UEFA fare molti soldi attraverso il Campionato Europeo, la Nations League e la Champions League. Vogliono anche una fetta di torta e quindi la Coppa del Mondo ogni due anni”.

“E nessuno guarda i giocatori. Dovranno lavorare fino a metà luglio. Questa follia è finita”, il giornalista di calcio Sharp.

“La colpa non è solo delle federazioni, ma anche ai club europei piace organizzare i cosiddetti giochi di denaro”, osserva Vandenbett. “Pensa solo ai loro lucrosi viaggi in Asia o in Sud America”.

Paul Pogba

La FIFA vuole competere per la Coppa del Mondo ogni due anni.

Grandezze astronomiche, ma il corpo umano ha i suoi limiti

Peter Vandenbempt sa anche che i migliori calciatori si guadagnano da vivere.

“Ecco perché questa discussione è così delicata”, dice. “Guadagnano somme enormi. Perché il calcio internazionale è un business. E nel mondo degli affari si vuole sempre andare avanti”.

“Comunque, che tu guadagni 100 euro o 100 milioni: il corpo umano ha i suoi limiti”.

READ  Club Brugge franco, Boca Juniors rifiuta milioni di offerte per l'acquisizione di Via