QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pfizer chiede l’approvazione per la terza dose di vaccino: “T…

Una terza o cosiddetta dose “booster” del vaccino Corona Pfizer e BioNTech estende e migliora significativamente la protezione, secondo uno studio condotto da aziende farmaceutiche. Hanno in programma di richiedere presto l’approvazione per il suo utilizzo e stanno anche lavorando a una nuova versione del vaccino contro la variante delta più infettiva.

I primi risultati di uno studio condotto da Pfizer e BioNTech hanno mostrato che una terza dose dell’attuale vaccino Corona non solo è sicura, ma aumenta anche il numero di anticorpi da cinque a dieci volte rispetto ai livelli successivi alle dosi originali. Lo riferiscono le aziende farmaceutiche in un comunicato. Il richiamo verrà somministrato da sei a otto mesi dopo la seconda dose.

I risultati preliminari si basano su solo 10-20 persone che hanno ricevuto una dose di richiamo dopo sei mesi, ha affermato il ricercatore capo di Pfizer, Michael Dolsten, ma “i dati sono così chiari che siamo pienamente fiduciosi che lo studio completo lo confermerà”.

Secondo le compagnie farmaceutiche, la protezione contro le malattie critiche è rimasta elevata durante i sei mesi successivi alla vaccinazione iniziale, ma ha iniziato a diminuire verso la fine di quel periodo. Questo, insieme al progresso di nuove varianti virali, sono “fattori critici nella nostra convinzione che sarà probabilmente necessaria una dose di richiamo per mantenere alti livelli di protezione”.

Una volta che saranno disponibili ulteriori risultati, Pfizer dovrebbe richiedere l’approvazione di emergenza per l’uso da parte della US Drug Agency, la Food and Drug Administration, ad agosto. La società afferma di essere già in trattative con il regolatore dell’UE in merito alle nuove scoperte. Pfizer e BioNTech prevedono di poter presentare i dati e richiedere l’approvazione all’Agenzia europea per i medicinali (EMA) “nelle prossime settimane”.

READ  Il dettaglio del certificato Corona belga è molto semplice: “Il back office esiste davvero” | all'estero

Meno efficace contro il delta?

Secondo il ricercatore capo Dolsten, la società sta già uscendo con risultati preliminari perché c’è molta ansia e paura per la variante delta più contagiosa del coronavirus. Lo studio riguarderà la protezione contro il virus originale e la variante beta (Sud Africa), ma Pfizer è fiduciosa che una terza dose sarà efficace anche contro la variante delta. “Pfizer e Bioantek stanno conducendo test per confermare questa previsione”, ha detto giovedì in un comunicato stampa.

Mercoledì è stato annunciato Secondo una ricerca israeliana Il vaccino Pfizer protegge solo il 64% dall’infezione con la variante delta, rispetto a un’efficacia del 94,3% prima che questa variante fosse introdotta nel paese. Tuttavia, il vaccino Pfizer fornirebbe comunque una protezione del 93% contro malattie gravi, ospedalizzazione e morte.

Leggi anche. La variante delta farà ammalare anche i vaccinati, ma «possiamo sostituire la pandemia con quella endemica» (+)

Secondo il ricercatore capo Pfizer Dolsten, due dosi del vaccino sono efficaci contro la variante delta e la società interpreta i dati israeliani come un segno di bassi livelli di anticorpi nel sangue da quando le persone hanno iniziato a ricevere la vaccinazione lì a gennaio e febbraio. Con una variante virale altamente contagiosa, come Delta, possono ancora verificarsi lievi infezioni, afferma Dolsten.

vaccino modificato

Secondo Dolsten, è anche utile prevenire casi lievi di Covid-19 con vaccini di richiamo, poiché ciò può ritardare le infezioni che potrebbero portare allo sviluppo di nuove varianti. In questo modo si possono prevenire le conseguenze a lungo termine dell’infezione, come spesso accade nei pazienti giovani che tuttavia non si sono ammalati gravemente.

READ  La società Al-Kawakibi fallisce di nuovo: nomina di un fiduciario di WannaChange | L'interno

Nel frattempo, Pfizer prevede anche di eseguire test sui soggetti di prova, previsti per agosto, con un vaccino modificato specificamente progettato per fornire una protezione aggiuntiva contro la variante delta. I vaccini a mRNA come Pfizer possono essere adattati molto rapidamente. Dolsten afferma che è improbabile che sia necessaria una nuova versione del genere, perché la versione attuale fa un buon lavoro nel produrre anticorpi contro la variante delta.

Questo è stato confermato giovedì in piccola misura uno studio Secondo i ricercatori francesi, pubblicati sulla rivista scientifica Nature circa tre mesi dopo la somministrazione della seconda dose, il vaccino di Pfizer era ancora efficace contro la variante delta, anche se da tre a cinque volte inferiore alla variante alfa (britannica).