QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pfizer e Moderna aumentano i prezzi dei vaccini Corona nell’Unione Europea interni

Le aziende farmaceutiche Pfizer e Moderna hanno aumentato i prezzi dei vaccini contro il coronavirus in un nuovo accordo con l’Unione Europea. Questo secondo il quotidiano economico britannico Financial Times, che ha preso visione del contratto. Si dice che i prezzi siano aumentati perché l’UE è ora pienamente impegnata nei vaccini mRNA per entrambi i produttori, e non più in quelli di Oxford/AstraZeneca e Johnson & Johnson.




Pfizer aumenterà il suo prezzo da 15,5 euro a dose a 19,5 euro, un aumento di oltre il 25 percento. La dose di Moderna va dai 19 ai 21,5 euro a dose.

L’Unione Europea ha recentemente ordinato ulteriori 1,8 miliardi di dosi di Pfizer/BioNTech e altri 150 milioni di dosi di Moderna per fornire le dosi di richiamo previste. Questo sarà probabilmente usato come terza iniezione in una certa parte della popolazione dall’autunno. La ricerca mostra che i vaccini sono più efficaci allora. Gli anticorpi contro la corona saranno da cinque a dieci volte più alti dopo la terza iniezione che dopo due iniezioni. Israele offre oggi la terza opzione di tiro nel gruppo di persone con più di 60 anni.

I termini degli accordi sono stati rinegoziati dopo che i dati dello studio di Fase 3 hanno mostrato che i vaccini mRNA delle due società sono più efficaci dei vaccini più economici Oxford/AstraZeneca e Johnson & Johnson. Secondo un funzionario Ue coinvolto nelle trattative, le aziende hanno potuto approfittare del fatto che i vaccini funzionano, aiutando le aziende ad “aumentare il loro valore”.

Le aziende farmaceutiche genereranno decine di miliardi di dollari di entrate quest’anno firmando nuovi accordi con i paesi che desiderano forniture sufficienti per combattere il ceppo infettivo delta del coronavirus.

READ  "Offerte speciali per tutti i passeggeri"

Mercoledì scorso, i ricercatori hanno riferito in un comunicato preliminare che l’efficacia del vaccino contro la corona di Pfizer/BioNTech scende all’84% dopo sei mesi. Al suo apice, l’efficacia era del 96 percento. Più di 44.000 volontari in tutto il mondo hanno partecipato allo studio. Lo studio afferma che Pfizer protegge il 97 percento delle malattie gravi.