QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Philips stanzia altri 165 milioni di euro per ritirare altri dispositivi per l’apnea | Economia

La società di tecnologia medica Philips ha nuovamente messo da parte i soldi per il ritiro dei dispositivi per l’apnea. Lunedì il gruppo ha annunciato nei risultati trimestrali di aver coinvolto altri 165 milioni di euro.

I ventilatori Philips per i pazienti con apnea notturna contengono schiuma isolante che può rompersi e quindi essere pericolosa per gli utenti. L’isolamento può anche rilasciare una sostanza tossica se entra in contatto con determinati detergenti.

Philips sta stanziando ulteriori 65 milioni di euro perché sembra che circa 300.000 dispositivi aggiuntivi possano beneficiare di un rimborso, principalmente negli Stati Uniti. Anche i costi stimati per le riparazioni sono aumentati di 100 milioni di euro. In tutto, Philips ha ora stanziato circa 900 milioni di euro per la riparazione.

Oltre alla necessità di aumentare le prenotazioni per i dispositivi di apnea, Philips ha continuato a riscontrare problemi di consegna nel primo trimestre di quest’anno. Il CEO Frans van Houten fa riferimento, tra le altre cose, all’epidemia di Corona e al rigoroso blocco associato in Cina. Inoltre, i costi dei materiali ei prezzi dell’energia sono aumentati a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina.

Dei 97 milioni di euro risparmiati da Philips in costi, solo 8 milioni di euro sono rimasti nell’utile netto a causa dell’aumento dei costi. Per continuare ad affrontare i problemi della catena di approvvigionamento e l’elevata inflazione, Philips continuerà ora a concentrarsi sul risparmio sui costi e sull’aumento dei prezzi, ha affermato.

Applausi in borsa

Il fatturato di Philips nel primo trimestre è stato di 3,9 miliardi di euro. Rispetto ai primi tre mesi dello scorso anno si tratta di un lieve calo, che, secondo Van Houten, è interamente dovuto all’interruzione delle vendite di dispositivi per l’apnea notturna. Entro la fine di quest’anno, è prevista la riparazione del 90% dei dispositivi e Philips potrà riprendere la produzione di nuovi dispositivi.

READ  Rumor: il consiglio di amministrazione di Twitter vuole rifiutare l'offerta di acquisizione di Musk - IT Pro - News

D’altra parte, gli ordini da altre parti sono arrivati ​​più velocemente del previsto. Ad esempio, le macchine per la risonanza magnetica e gli spazzolini elettrici erano popolari. Pertanto, il valore del portafoglio ordini è di circa un terzo prima di un anno.

Al di sotto della linea, si registra una perdita di 152 milioni di euro nelle operazioni continue. Un anno fa c’era un meno di 34 milioni di euro.

Lunedì, Phillips ha preso un colpo in borsa: il prezzo è sceso di oltre il 10 per cento. Questo è il calo più grande da gennaio.