QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Piano europeo da un miliardo di dollari per diventare meno dipendente dai fornitori di chip stranieri | Economia

Giovedì a Bruxelles, i ministri europei dell’industria hanno approvato un piano da 1 miliardo di dollari per aumentare la produzione di chip in Europa e ridurre la dipendenza dai fornitori stranieri.

Il ministro ceco Josef Sekela ha annunciato l’accordo a nome della presidenza dell’UE: “L’UE deve ridurre la sua eccessiva dipendenza dai chip leader globali in Asia e negli Stati Uniti. Con il Chip Act, stiamo prendendo in mano la situazione”. .

I chip sono una parte essenziale dell’odierna economia digitale, ma la pandemia di coronavirus ha evidenziato la vulnerabilità delle catene di approvvigionamento globali. Ad esempio, il settore automobilistico è ancora a corto di chip, mentre il passaggio ai veicoli elettrici aumenterà la domanda in futuro.

Con il Chip Act, l’UE mira ad aumentare la sua quota di produzione globale di chip dal 10 al 20% entro il 2030. Ciò equivale a una capacità di produzione quadruplicata, poiché si prevede che il mercato globale raddoppierà entro la fine del decennio. sta essendo.

Il piano prevede investimenti per 43 miliardi di euro da parte dei governi europei e nazionali e del settore privato. Il finanziamento dal bilancio europeo, che sarà utilizzato principalmente per la ricerca e lo sviluppo, è ancora in discussione, ma il commissario europeo per il mercato interno Thierry Breton non ha dubbi che le soluzioni saranno trovate durante l’ulteriore processo decisionale. Dopotutto, non è stato ancora raggiunto un accordo con il Parlamento europeo, che non ha ancora definito la sua posizione.

I tempi di attesa per una nuova auto continuano ad allungarsi: come cliente, devi accettare modifiche impreviste e prezzi più alti? (+)

READ  Anche nel nostro Paese mancano i ventilatori per le persone con apnee ostruttive del sonno dopo aver richiamato Philips negli USA | interni

Sorprendentemente, questa è ora l’auto più venduta in Europa