QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pietra miliare nella storia dello spazio: Orion atterra sano e salvo nell’oceano dopo aver circumnavigato la Luna

La navicella spaziale Orion della NASA, un veicolo spaziale americano lanciato a metà novembre, è atterrata con successo nell’Oceano Pacifico.

La capsula Orion senza equipaggio è in viaggio da 26 giorni. Prima ha determinato la traiettoria della Luna, poi l’ha girata intorno ed è tornata sul nostro pianeta. (Inizialmente, l’attività doveva durare circa 42 giorni, come indica il grafico sottostante.) Nel suo punto più lontano, Orione era a 270.000 miglia (432.000 km) dalla Terra.

Al suo ritorno, Orion è entrato nell’atmosfera terrestre a una velocità di 40.000 chilometri all’ora. A circa cinque miglia sopra l’acqua, si aprì l’undicesimo paracadute di Orione, che all’epoca stava ancora scendendo a circa 310 miglia all’ora. Alla fine, la capsula si è tuffata in sicurezza in acqua a una velocità di 30 chilometri all’ora nel luogo previsto dai dipendenti della NASA. Nelle future missioni con equipaggio, la NASA raccoglierà gli astronauti dalle navi della Marina dopo l’atterraggio.

Prova finale

Questa è stata la prima missione del programma internazionale Artemis a guida americana. Vuole riportare le persone sulla Luna non prima del 2025, e alla fine sviluppare una qualche forma di presenza permanente lì.

Durante questa missione, la capsula Orion è stata ampiamente testata, dal lancio al ritorno, completamente senza equipaggio, sebbene alcuni espositori indossassero tute da astronauta e, soprattutto, molti sensori di misurazione viaggiassero con essa. Per il 2024 è previsto un volo con equipaggio sulla Luna con una seconda missione Artemis (senza però atterrarvi). Quindi ci sarà almeno un anno in più per gli allunaggi della missione Artemis 3.