QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pilota impossibilitato ad atterrare a Dubrovnik per tempesta e trasferirsi a Zagabria: ‘abbandonato al nostro destino da Brussels Airlines’ | Per viaggiare

Quando il giornalista video Jeff Beckers dell’HLN ha fatto il check-in con tre amici all’aeroporto di Zaventem ieri sera per una vacanza di una settimana a Dubrovnik, non si aspettava che Brussels Airlines lo abbandonasse dopo poche ore nella capitale croata Zagabria, a centinaia di chilometri di distanza . Lontano dalla città portuale sull’Adriatico. “Non aspettarti questo da una compagnia aerea Star Alliance come Brussels Airlines.”

Alle 6:15 di ieri sera, Beckers ei suoi amici sono decollati a Bruxelles. Normalmente avrebbero dovuto atterrare alle 8.10 a Dubrovnik, nell’estremo sud della Croazia, ma alla fine l’aereo atterra poco prima delle 9 di sera a Zagabria, nell’estremo nord. Il motivo: un forte temporale su Dubrovnik, che ha fatto decidere ai piloti di deviare e tornare nella capitale croata dopo un primo tentativo di atterraggio fallito. “Il pilota ha dichiarato all’interfono di non essere stato addestrato per atterrare in tali condizioni meteorologiche”, dice Beckers del cambio di rotta recentemente annunciato. “Trovo incomprensibile che ci sia stato un tentativo di mettere la bara a terra.”

Una volta che l’aereo atterra in sicurezza a Zagabria, i 140 passeggeri vengono tenuti a bordo per un’altra ora e mezza, perché “Brussels Airlines fornirà la soluzione”, afferma Beckers. “Ma all’improvviso sono dovuti scendere tutti dall’aereo, erano già le 10:30 di sera”. Il personale dell’aeroporto informa quindi il gruppo di viaggiatori bloccati che devono ancora fare i propri piani. Beckers: “Ci hanno suggerito di prendere un taxi, ma Dubrovnik è ad almeno sei ore di macchina da Zagabria!”

Organizza il tuo hotel

Senza alcun contatto da parte di Brussels Airlines, il compagno di viaggio di Beckers alla fine ha contattato l’ufficio stampa della compagnia aeroportuale, che, come il servizio clienti, non sa nulla. “Alla fine ci è stato detto che dovevamo organizzare qualcosa da soli, ma potevamo inserire i costi”, afferma Beckers, che domani sera volerà a Dubrovnik con i suoi amici tramite un’altra compagnia aerea. Un gruppo di amici è costretto a trascorrere la prima notte della sua vacanza in un hotel nel centro di Zagabria. “Questo costa da 600 a 700 euro in più per quattro persone”, dice sconvolto. “Quindi l’umore tra i passeggeri era pessimo: la gente non si aspetta una cosa del genere da una compagnia aerea Star Alliance come Brussels Airlines”.

READ  L'industria aerea vuole eliminare le restrizioni ai viaggi "non necessarie e inefficaci" | all'estero

In risposta, Brussels Airlines ha affermato che il pilota ha fatto la scelta giusta di dirottare a Zagabria perché “non era possibile atterrare a Dubrovnik al buio in questo tipo di clima rigido con forti venti al di sopra del limite di velocità, in conformità con le procedure di atterraggio”. “Solo i piloti con una conoscenza precisa e specifica della pista di Dubrovnik possono atterrare lì in queste condizioni dopo il tramonto”, ha detto il portavoce Mike Andres.

E Andres sottolinea che Brussels Airlines a Zagabria “purtroppo non ha un partner locale” per aiutare i viaggiatori bloccati e dice che “non ci sono alternative migliori” di Zagabria. “I passeggeri, di cui abbiamo dovuto cercare i dettagli da soli, ci hanno parlato di un hotel per il quale avremmo rimborsato i costi”, conclude Andres.