QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Più auto sportive elettriche? L’Italia si oppone alla decisione del Parlamento europeo

Ferrari

Notizie dal NOS

  • Helen D’Haines

    Giornalista Italia

  • Helen D’Haines

    Giornalista Italia

Con l’entusiasmo di Fabio Barron, presidente del fan club italiano Ferrari, anche chi non è interessato alle auto sportive non può gareggiare.Parla della sua macchina. “Lo senti nello stomaco?” Chiede quando la macchina è stata rinnovata. “Non è un’opera d’arte?”, Aprì la cappa di vetro e rivelò la macchina rossa.

Ma cosa si può mostrare tra quindici anni in più? All’inizio di questo mese, su consiglio della Commissione Europea, il Parlamento Europeo ha deciso che dal 2035 nessuna automobile prodotta nell’UE dovrebbe avere un motore a combustione interna. “Se ignori il rumore di questa macchina e senti il ​​cinguettio degli uccelli durante la guida, toglierai la maggior parte dell’emozione”, teme Barron. Non è stato l’unico in Italia ad essere insoddisfatto della decisione europea.

Con passione e orgoglio, Baron emette il suono di un tale motore Ferrari. “Un suono distintivo”, dice:

La Ferrari elettrica è un ponte per questo tifoso: ‘Meglio morire’

L’industria italiana dell’auto di lusso è concentrata Valle della Moto, L’area intorno alla città di Bologna. Ferrari, Lamborghini, Maserati, Ducati. Nomina un marchio di lusso che viene spesso prodotto lì. Da Valle dei motori Precede i risultati europei È stato molto pubblicizzato Eccezione alle regole.

Ma le case automobilistiche non sono soddisfatte. Teme che le auto elettriche abbiano meno parti e richiedano meno lavoro per essere assemblate. Valle dei motori Perdita di lavoro. L’industria comprende non solo le case automobilistiche, ma anche le piccole aziende che producono parti. Impiega più di 16.000 persone in totale e 90.000 persone.

Per questo motivo, anche il governo italiano si oppone ai piani. La scorsa settimana, il primo ministro Drake ha firmato un documento chiedendo un periodo di transizione più lungo “per evitare costi sproporzionati e inutili per l’industria automobilistica e i consumatori”. Secondo Drake, le nuove regole si applicano alle auto di lusso in quanto “hanno un impatto negativo sull’occupazione e sul potenziale di innovazione dei piccoli produttori”.

La Maserati ha finito

Non tutti i produttori sono d’accordo. Alla Maserati, sono entusiasti di presentare la piattaforma di produzione del loro modello ibrido MC20 e non vedono l’ora di lanciare la loro prima auto sportiva elettrica il prossimo anno. “Ha 1.200 cavalli e le batterie sono posizionate correttamente in modo che le prestazioni e la distribuzione del peso siano le stesse di un’auto con motore a combustione interna”, ha affermato il dirigente Francesco Tonan.

Donnon insiste sul fatto che non sta collaborando con la lobby del suo marchio Valle dei motori. “Sapevamo cinque anni fa che questo era solo un periodo prima che avessimo apportato il cambiamento e ci siamo impegnati a fondo. Il rispetto della scadenza europea dipende da quando un marchio inizia a cambiare”.

Prendere tempo

Il tifoso della Ferrari Francesco Barron vede il futuro meno luminoso. “Sono sicuro che il mondo dovrebbe diventare verde, ma non dovresti iniziare con le auto sportive. Quelle auto costituiscono una piccola parte della produzione e percorrono pochi chilometri all’anno, non penso che il verde sia un lusso. Le auto fanno il pianeta verde.”

I capi di governo europei dovrebbero approvare la decisione del Parlamento europeo in autunno. Baron spera che il governo italiano possa guadagnare ancora un po’ di tempo.

Difficile dire se acquisterà una Ferrari elettrica. “Ora dico di no. Ma il futuro è futuro. Magari metterò qualcosa in garage con la benzina e ne comprerò uno elettrico nel tentativo di sostituirlo”.