QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Più del doppio delle persone che soffrono la fame in Africa orientale: ‘Una palese mancanza di coraggio politico’ | all’estero

Il numero di persone che soffrono la fame nei paesi dell’Africa orientale come Etiopia, Kenya e Somalia è raddoppiato rispetto allo scorso anno. I dati delle Nazioni Unite indicano che 10,2 milioni di persone erano affamate a maggio e giugno 2021 e oggi ce ne sono più di 23 milioni. “Le risposte nazionali e globali sono troppo lente e in gran parte limitate”, hanno osservato Oxfam e Save the Children in un nuovo rapporto pubblicato mercoledì. “La fame è un fallimento politico”, ha affermato Gabriella Bucher, direttore esecutivo di Oxfam International.

Le due Ong stimano che “forse ogni 48 secondi” in quei tre paesi qualcuno muore di fame. “Nonostante i molti segnali di allarme negli ultimi anni, i leader mondiali hanno risposto troppo tardi e troppo poco, lasciando milioni di persone ad affrontare una fame catastrofica”, ha detto Bucher.

Il numero di persone affamate in rapido aumento è legato alla siccità causata dai cambiamenti climatici: la popolazione del Corno d’Africa sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi 40 anni, anche se la regione è responsabile solo dello 0,1% delle emissioni globali di anidride carbonica.

Questa siccità è esacerbata dal conflitto. Inoltre, sono arrivate le ricadute economiche della pandemia, che “ha spazzato via la capacità di sopravvivenza delle ultime persone”. L’ingrediente finale di questo cocktail è la guerra in Ucraina, che ha portato i prezzi dei generi alimentari ai massimi storici.


citazioni

Le persone muoiono di fame non perché il mondo non abbia cibo o denaro, ma per una palese mancanza di coraggio politico.

I prezzi del cibo sono in aumento

Il costo medio di un “paniere alimentare” in tutta l’Africa orientale è stato del 23% superiore a febbraio rispetto all’anno precedente. In Somalia ed Etiopia, il costo dei pacchi alimentari a febbraio era rispettivamente del 36 e del 66% superiore rispetto a febbraio 2021. Tuttavia, nel mondo viene prodotto cibo sufficiente per sfamare tutti.

Nonostante le elevate esigenze, quasi nessuna risorsa è stata resa disponibile, hanno deplorato Oxfam e Save the Children. Dell’appello delle Nazioni Unite per Etiopia, Kenya e Somalia da 4,4 miliardi di dollari (solo 4,2 milioni di euro), solo il 2%, ovvero 93 milioni di dollari (88,2 milioni di euro), è attualmente finanziato. “Le persone muoiono di fame non perché il mondo non abbia cibo o denaro, ma per una spaventosa mancanza di coraggio politico”, ha detto Bucher. “I paesi possono mobilitare risorse per prevenire la sofferenza umana, ma solo se lo desiderano”.

Entrambe le agenzie umanitarie fanno riferimento al Gruppo dei Sette e ad altre nazioni ricche, che stanno “restituendo gli aiuti promessi ai paesi deboli e spingendoli sull’orlo del fallimento del debito”. Ma non sono esclusi anche i governi dei paesi colpiti: hanno reagito molto lentamente e spesso si sono rifiutati di riconoscere l’entità della crisi. Investono anche molto poco nell’agricoltura o nei sistemi di sicurezza sociale.

Leggi anche:

Più di dieci milioni di bambini soffrono di malnutrizione in tutto il mondo a causa della siccità, della corona e della guerra in Ucraina

Siamo in una crisi economica? Grandi successi per la classe medio-bassa: “Persone troppo povere per vivere comodamente e troppo ricche per essere riscattate”.

Gli economisti si oppongono a ulteriori misure per aumentare i prezzi: “Non dare soldi a tutti, entra in modo mirato”

READ  Sempre più villaggi Maas nel Limburgo olandese vengono evacuati...