QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Più della metà dei pazienti Corona che finiscono in ospedale sono stati vaccinati: perché la quarta ondata è ancora tra i non vaccinati | interni

Dall’11 al 24 ottobre nel nostro Paese sono stati ricoverati 1.249 pazienti affetti da COVID-19. Più della metà (671) è stata completamente vaccinata, secondo i dati dell’Istituto di salute Sciensano. Tuttavia, secondo gli esperti, questa quarta ondata di corona è una delle più vulnerabili. “È una questione di dimensioni”, afferma il virologo Stephen van Gucht.




I nuovi numeri di trattamento sono completamente in linea con i numeri della scorsa settimana. Poi il commissario della Corona Pedro Facon ha affermato che dei 614 pazienti Corona ricoverati in ospedale la settimana precedente, ne erano stati vaccinati 337. Inoltre, poco più della metà (55 per cento). Non è la quarta ondata e poi l’onda non impollinata, come ha detto prima il primo ministro Alexandre de Croo (Open Vld)?

Percentuale di vaccinati e non vaccinati negli ospedali. © Ssensano

“Sì”, spiega l’esperto di dati Joris Vaesen – fondatore del popolare panel di immunizzazione covid-vaccinatie.be – Nel thread di Mounir su Twitter. La chiave sta nella dimensione dei gruppi.

malattia

Secondo i dati ufficiali, nel nostro Paese sono state vaccinate 8.622.489 persone (i dati sono al 26 ottobre) e 2.898.749 non sono state vaccinate. Da quel gruppo di persone non vaccinate dovrebbero essere sottratte 1.463.008 persone: tutti i minori di 12 anni non hanno diritto alla vaccinazione. “Fortunatamente, raramente si ammalano e i ricoveri ospedalieri sono rari”, afferma Weissen. Ciò riduce il numero di persone non vaccinate a 1.435.741.


Dei 614 pazienti COVID-19 ricoverati in ospedale nella prima settimana di segnalazione, 338 (55 percento) sono stati vaccinati e 276 non sono stati vaccinati (45 percento). Contro la popolazione all’interno del loro gruppo, otteniamo quindi un rapporto 39 ricoveri per milione di vaccinati occupazione 192 ricoveri non vaccinati per milione. “La proporzione di persone non vaccinate è quindi circa cinque volte maggiore della proporzione di persone vaccinate”, conclude Weissen. “In teoria, si sarebbero potuti evitare 220 ricoveri se tutti fossero stati vaccinati”.

relazioni

Il virologo Stephen van Gucht conferma questo ragionamento. “Il fatto che in numero assoluto più vaccini delle persone non vaccinate siano ora ricoverate in ospedale ha qualcosa a che fare con il lignaggio. E con l’alta prevalenza del virus che vediamo ora. Nelle Fiandre, la maggioranza è vaccinata. Molti sono ben protetti, ma una piccola parte è meno. Se ci sono molti virus che circolano, a volte avrai delle eruzioni. Di tanto in tanto seguono complicazioni e vedi persone andare in ospedale. Tuttavia, le persone vaccinate che finiscono nel ospedale quasi tutti appartengono al gruppo ad alto rischio”.

Il virologo Stephen Van Gucht.

Il virologo Stephen Van Gucht. © BELGA

Secondo il virologo, l’effetto benefico della vaccinazione può essere visto chiaramente se lo si confronta con i paesi che hanno un basso tasso di vaccinazione. Guarda gli stati baltici, la Romania, la Bulgaria e la Russia, per esempio. Lì si vede che gli ospedali sono pieni, il lockdown è regolamentato e la situazione è diventata incontrollabile. Questa è la situazione che affronteresti anche con noi se il tuo tasso di vaccinazione fosse inferiore”.

terapia intensiva

Ci sono ancora notizie di speranza. Sorprendentemente, secondo Van Gucht, la percentuale di pazienti vaccinati in terapia intensiva è finora aumentata meno rapidamente. “Dobbiamo ancora fare l’analisi dettagliata, ma le persone vaccinate che vengono ricoverate potrebbero avere minori possibilità di finire in terapia intensiva. Forse perché c’è una protezione parziale”.

Come ha osservato il commissario della Corona Pedro Facon, la scorsa settimana, il confronto tra persone vaccinate e non vaccinate che sono state infettate e sono finite in ospedale non è chiaro. “I gruppi non sono realmente comparabili”, Ha detto in una dichiarazione su Corona. “Le persone che sono state vaccinate sono spesso persone fragili, anziane o con patologie pregresse. I non vaccinati sono spesso giovani, giovani che non sono ancora stati vaccinati nel nostro paese e persone con diversi comportamenti sociologici e comunicativi”.

Coronacommissaris Pedro Facon.

Coronacommissaris Pedro Facon. © BELGA

Tre quarti delle 337 persone vaccinate ricoverate negli ospedali hanno più di 65 anni e il 60% ha più di 75 anni. “In terapia intensiva, c’erano circa 60 persone che erano state vaccinate, ma c’è anche il 70% di loro con più di 65 anni”, ha detto all’epoca Facon. “Anche se i vaccini fossero forti, vedremmo comunque alcune persone vaccinate in ospedale. . Questo è chiaro.”

Ha sottolineato che la vaccinazione ha avuto un forte impatto sul ricovero. Un raddoppio del numero di infezioni si traduce ora in un aumento del 35% dei ricoveri ospedalieri. Nella seconda ondata esattamente un anno fa, era ancora del 53 percento, che non era nemmeno con la variante delta. Questo dimostra ancora una volta il buon effetto dei nostri vaccini. La vaccinazione è efficace e dovrebbe rimanere la nostra prima linea di difesa”.

Leggi anche: Queste nuove misure Corona iniziano oggi: devi indossare di nuovo una maschera per la bocca

READ  IBM annuncia server di alimentazione ibridi con processori Power10 - IT Pro - Notizie