QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Più della metà della popolazione 3M ha troppi PFOS nel sangue…

Un esame del sangue di 796 residenti di Zwegendrecht che vivono entro un raggio di tre chilometri dallo stabilimento 3M ha mostrato che il 59% aveva troppi PFOS nel sangue. Il ministro dell’Ambiente fiammingo Saturn Demir (N-VA) ha minacciato di fermare la produzione se 3M non riuscirà a dimostrare che non espone la popolazione locale a ulteriori rischi.

La scorsa estate, il sangue di 796 residenti che vivono vicino allo stabilimento 3M di Zwijndrecht è stato testato per la presenza di PFAS. Sono stati esaminati 13 tipi di PFAS. Per il tipo di PFOS, più della metà dei partecipanti (59 percento) sembrava avere un valore molto alto dal punto di vista della salute. Chi vive vicino alla pianta ha generalmente valori più alti, così come chi mangia le uova del proprio pollame e utilizza le falde acquifere.

I valori guida sono “sicuri” solo per il 9% dei partecipanti. In media, sono stati misurati valori più alti in quelli più vicini ai 3 milioni, sebbene siano stati individuati altri fattori di rischio.

Dopo aver ascoltato i risultati, il ministro Demir ha detto che chiederà alla società di applicare una misura di sicurezza tramite l’ispettorato dell’ambiente. Ho esaurito la pazienza. 3M deve dimostrare nero su bianco che non espone l’ambiente a rischi aggiuntivi. “Se non lo fa entro due giorni, 3M deve cessare immediatamente tutte le operazioni di produzione che portano a emissioni fino a quando non sarà in grado di fornire questa prova”, ha affermato Demir in un comunicato stampa.

Martedì mattina, il comune di Zwijndrecht ha già avuto accesso ai risultati. Il membro del consiglio per l’ambiente Stephen Vervet (Green) li ha definiti “preoccupati”. I nostri cittadini devono ora rispettare il “nessun rimpianto”. Devono fare uno sforzo per qualcosa che non è affatto sbagliato da parte loro. Ma dov’è il rimpianto 3M che ha causato l’inquinamento? Hanno continuato a utilizzare alcuni PFAS, i resti di sabbia contaminata, e ora hanno annunciato che faranno ricorso contro il permesso di scarico rivisto della contea.

READ  Lufthansa pagherà 1,5 miliardi di euro in aiuti allo Stato tedesco | All'estero

Vervaet spera che presto ci sarà più chiarezza su come progredirà la diffusione di PFAS. Gli scarichi nelle acque reflue sono noti, ma le autorità municipali sospettano che la dispersione nell’aria, anche durante il processo produttivo, abbia avuto un effetto molto maggiore. Inoltre, Vervaet osserva che l’esame del sangue era limitato a 796 persone, mentre c’erano molti candidati. “La gente vuole davvero sapere cosa sta succedendo in questo momento”.

Medico. Vera Nlin dell’Istituto regionale di igiene: “Questo gruppo era abbastanza grande da fornire un quadro affidabile dell’esposizione a PFAS in quest’area. Quindi anche le persone da cui non abbiamo prelevato un campione di sangue avrebbero una buona idea della loro esposizione.

abitudini di vita

Lo studio identifica una serie di collegamenti tra le caratteristiche o le abitudini di vita dei partecipanti e i loro valori ematici. “I risultati mostrano livelli sierici medi più elevati di PFAS nei partecipanti che vivono vicino alla fabbrica e nei partecipanti che vivono più a lungo nell’area”, afferma Anne Coles van Vitu (Istituto fiammingo per la ricerca tecnologica).

Questo indica l’effetto della presenza di questa industria sull’esposizione del corpo. Ad esempio, mangiando uova della zona, l’inquinamento nel corpo può finire. Vediamo anche che l’uso di lubrificanti, tra le altre cose, per la manutenzione della bicicletta o delle selle può essere una fonte di esposizione, afferma Collies.

“Nessun rimpianto misure”

Le misure “senza rimpianti” precedentemente adottate vengono estese e ampliate. Ad esempio, il raggio in cui le persone deboli non dovrebbero mangiare verdure coltivate localmente si estende a 3 km. Anche le persone più vulnerabili, come i bambini di età inferiore ai 12 anni, le donne incinte e le persone con un sistema immunitario indebolito, non potevano mangiare verdure coltivate localmente entro un raggio di 1,5 chilometri. Quest’ultima area è ora in fase di ampliamento a 3 chilometri circa 3 metri. In un raggio di 5 km, si consiglia a tutti gli altri di lavare bene le verdure coltivate in casa prima del consumo.

READ  Come diversi paesi stanno cercando di distrarre dal sospetto del vaccino ...