QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Più di 1.000 nuove infezioni in Israele

Una panoramica delle ultime infezioni e malattie in Israele. screenshot datadashboard.health.gov.il

Il primo ministro Naftali Bennett ha dichiarato venerdì che il vaccino di Pfizer è meno efficace contro la variante Delta di quanto i funzionari sanitari avessero sperato dopo che più di 1.000 israeliani sono risultati positivi al coronavirus.

“Non sappiamo esattamente quanto il vaccino aiuti, ma è molto meno”, ha detto Bennett.

Il primo ministro ha tenuto una riunione di funzionari sanitari e ministri per discutere su come controllare il virus alla luce dell’alto numero di infezioni in Israele.

Bennett ha osservato che il numero di bambini ricoverati ogni giorno negli ospedali in Gran Bretagna è aumentato negli ultimi giorni. Con oltre 5,7 milioni di israeliani che hanno ricevuto almeno un’iniezione del vaccino Pfizer, lo stato continua a sollecitare i cittadini, in particolare gli adolescenti, a vaccinarsi.

Venerdì è stato registrato il maggior numero di casi di infezione da corona in circa quattro mesi, 1118 casi, secondo il Ministero della Salute israeliano. Di quelli selezionati, l’1,58% è risultato positivo. Il tasso di riproduzione (R) è 1,37, il che significa che il coronavirus in Israele si sta diffondendo di nuovo.

Mentre il numero di infezioni giornaliere è in aumento, anche la morbilità grave è aumentata in misura minore con circa 58 pazienti ricoverati in condizioni critiche, con un aumento di sei nel fine settimana. Ad aprile, con circa 6.500 casi attivi fino ad oggi, 370 pazienti sono stati ricoverati in condizioni critiche.

Una possibile spiegazione è che gli attuali portatori del virus includono circa 2.000 scolari, metà dei quali sono stati completamente vaccinati. È improbabile che i bambini sviluppino forme gravi della malattia, sebbene si verifichino occasionalmente.

READ  Lo studio dimostra "l'effetto della nota a piè di pagina" nella cannabis nell'alleviare il dolore

Attualmente, circa il 60% dei pazienti critici è vaccinato. Circa il 90% dei nuovi contagiati di età superiore ai 50 anni viene vaccinato.

Secondo il professor Eran Segal, biologo informatico presso Istituto di scienze WeizmannIl tasso di casi che si ammalano gravemente è ora dell’1,6%, rispetto al 4% in una fase simile nella terza ondata quando non c’erano vaccini.

Nota inoltre che se il numero di nuove infezioni continua ad aumentare, “saranno necessarie più infezioni rispetto alla terza ondata per raggiungere un numero relativamente elevato di pazienti critici negli ospedali. Ciò contribuirà in modo significativo all’immunità di tutta la popolazione”.

Ricevi gratuitamente la nostra newsletter!