QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Più di 260 soldati sono stati evacuati dallo stabilimento delle scuderie Azov a Mariupol

Il vice ministro della Difesa ucraino, Jana Maliar, ha affermato che 53 soldati sono rimasti feriti e 211 soldati. I feriti sarebbero stati portati a Novoazovsk per essere curati in un ospedale a circa 45 chilometri a est di Mariupol. Gli altri soldati andarono a Olenivka.

Il ministero della Difesa russo aveva annunciato che era stato concordato un cessate il fuoco e la creazione di un “corridoio umanitario” per l’evacuazione dei soldati ucraini. Dodici autobus che trasportavano soldati ucraini sono stati visti lasciare la fabbrica lunedì, accompagnati da un convoglio di forze filo-russe.

© Reuters

“Ho bisogno di eroi vivi”

L’esercito e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky hanno successivamente confermato l’operazione. Zelensky ha fatto riferimento a una “giornata difficile” nel suo discorso video quotidiano. “Ma questo giorno, come tutti gli altri, ha lo scopo di salvare il nostro Paese e la nostra gente”.

Il presidente ha detto di sperare che grazie alle azioni dell’esercito ucraino, del Comitato internazionale della Croce Rossa e delle Nazioni Unite, possano “salvare la vita ai nostri uomini”. Tra loro sono rimasti gravemente feriti; Ricevono assistenza medica. Voglio sottolineare che l’Ucraina ha bisogno di eroi ucraini viventi. Questo è il nostro principio. Penso che qualsiasi persona adatta capirebbe queste parole”.

© Reuters

“L’operazione per salvare i difensori di Mariupol è stata avviata dal nostro esercito e dagli ufficiali dei servizi segreti. Per riportare a casa i ragazzi, il lavoro continua e questo lavoro richiede precisione. E tempo”. Zelensky si riferiva all'”attività diplomatica”.

“missione compiuta”

Si dice che ci fossero circa 600 soldati ucraini nello stabilimento. Lo stato maggiore delle forze armate ha affermato in una nota che le forze a difesa dell’acciaieria hanno completato la loro “missione di combattimento”. Il comandante militare ha ordinato ai comandanti dell’unità in Azovstal di salvare la vita del personale. Continuano gli sforzi per salvare i difensori che sono ancora nelle terre dell’Azovstal”.

Il viceministro della Difesa Jana Malgar ha scritto su Facebook che i soldati che difendono Mariupol hanno concesso all’Ucraina un tempo critico per costruire riserve, raggruppare le forze e ricevere assistenza dai partner. Il compito di difendere Mariupol era completamente compiuto. Secondo lei, non è stato possibile liberare la pianta. La cosa più importante ora è salvare la vita ai difensori del Mariupol.

© via Reuters

La città portuale di Mariupol fu assediata poco dopo l’invasione russa a febbraio. La città strategicamente importante finì sotto il fuoco pesante. Esperti e autorità ucraine stimano la morte di migliaia di civili. Dopo l’assedio, la città fu gradualmente conquistata dalle forze russe. Ma l’ultima resistenza ucraina si nascondeva in una grande acciaieria, composta da diversi piani sotterranei. Quindi i russi hanno chiuso ermeticamente l’impianto.

Centinaia di civili sono già stati evacuati dalla fabbrica nei giorni scorsi. Hanno cercato protezione contro l’avanzata dell’esercito russo.

Il ritiro dei soldati dalla fabbrica, che non avevano più cibo né acqua, fu negoziato a lungo. In Ucraina, anche il governo di Kiev è stato criticato per aver abbandonato i difensori di Mariupol. Le autorità ripetevano costantemente che non erano in grado di rompere l’assedio imposto alle forze russe.

© Reuters

© Reuters

© Reuters

© Reuters

© Reuters

© Reuters

READ  La Corea del Nord pubblica le foto che confermano il test di un missile a medio raggio | Corea del nord