QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Più test per malattie sessualmente trasmissibili e malattie sessualmente trasmissibili nell’ultimo anno, soprattutto tra i giovani adulti

Più test per malattie sessualmente trasmissibili e malattie sessualmente trasmissibili nell’ultimo anno, soprattutto tra i giovani adulti

Malattie veneree: prevenire è meglio che curare “/>

Malattie veneree: prevenire è meglio che curare

Foto: CC0 tramite Pixabay

I GGD hanno eseguito più test STD l’anno scorso. L’Istituto nazionale di sanità pubblica e ambiente (RIVM) ha visto per la prima volta più consultazioni nel 2022 che nel 2019, l’anno prima della pandemia di coronavirus.

Inoltre, sono state riscontrate più malattie sessualmente trasmissibili, soprattutto tra i giovani adulti.

Certamente, il numero di casi di gonorrea è aumentato notevolmente: lo scorso anno ci sono state diagnosi in più del 33% rispetto al 2021. L’aumento maggiore è stato registrato tra le donne e gli uomini eterosessuali, rispettivamente del 75% e del 58%. In totale, l’anno scorso sono stati diagnosticati 10.600 casi di gonorrea, ma la stragrande maggioranza si riscontra ancora negli uomini.

Il RIVM indica che la gonorrea è stata diagnosticata relativamente spesso nell’ultimo trimestre del 2022 in persone altamente istruite, persone di età inferiore ai 25 anni e persone di origine olandese.

Inoltre, la clamidia si trova ancora molto più spesso della gonorrea. Un test ha mostrato che avevano la clamidia nel 21,2% degli uomini eterosessuali, e lo stesso valeva per il 17,9% delle donne. Prima della pandemia di Corona, il 18,4% degli uomini e il 15,3% delle donne risultavano positivi alla clamidia. Ancora una volta, il RIVM trova sorprendente che questo aumento sia stato osservato principalmente tra le persone di età inferiore ai 25 anni. L’incidenza della gonorrea è del 2,3% nelle donne e del 2,4% negli uomini non rettali.

Soa Aids Nederland Non essere sorpreso dall’aumento delle malattie sessualmente trasmissibili. Secondo la fondazione, la ragione di ciò è la mancanza di informazioni sulle malattie sessualmente trasmissibili e sulla loro prevenzione nei Paesi Bassi. “La nostra ricerca tra i giovani mostra che 4 giovani su 10 non usano il preservativo durante una notte”, conferma Soa Aids Nederland. I dati del Royal Institute of Public Health hanno anche mostrato in precedenza che i giovani usano i preservativi a un tasso inferiore.

READ  "Più della metà dei 60enni vuole essere presa a pugni con AstraZeneca"

La fondazione rivuole le campagne di Vrij Veilig, che si sono interrotte più di dieci anni fa. “In questo, i giovani sono stati sensibilizzati all’uso del preservativo”, spiega una portavoce. “Dopo anni di assenza da queste campagne, si nota che i giovani non sono più consapevoli di come proteggersi”.

RIVM non fornisce alcuna spiegazione per l’aumento del numero di malattie sessualmente trasmissibili.