QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Porta primavera: il raffreddore da fieno e i raggi UV aiutano a combattere la corona

Gli esperti concordano sul fatto che la primavera ci aiuterà contro Corona. Jaap Van Dessel di RIVM ha stimato l’effetto stagionale al 15% oggi, ma ha detto immediatamente che si trattava di una stima. Possono anche diventare meno favorevoli.

La febbre da fieno può aiutare

Ci sono persone che probabilmente trarranno maggiori benefici dall’inizio della primavera. Perché se hai la febbre da fieno, questo potrebbe essere quello che ti protegge da un’infezione Corona con conseguenze disastrose.

Ecco come potrebbe funzionare: il polline nell’aria attiva il sistema immunitario. Il data scientist ed ex professore Martijn Hoogeveen della Open University di Heerlen afferma che il sistema immunitario stesso non è solo attivo contro il polline, ma secondo vari studi medici, funziona anche contro il virus potenzialmente invasivo.

Hoogeveen lo ha fatto Ricerca degli effetti stagionali della corona E malattie come l’influenza, e hanno concluso che si comportano allo stesso modo. Si scopre che entrambe le malattie diminuiscono nel contagio quando inizia la stagione del raffreddore da fieno e ci sono più raggi UV.

La primavera è tarda

Un mese fa, Huogevin aveva predetto che ora dovremmo stare meglio. “Entro la metà di aprile al più tardi, mi aspetto che l’affioramento che stiamo vedendo svanirà”, ha detto in De Volkskrant. Ma poiché era primavera all’inizio dello scorso anno, ora stiamo vivendo uno degli aprile più freddi mai registrati.

Il ricercatore dice: “Come vedete molti biologi descrivono che la natura è ritardata di diverse settimane”. “Stiamo già assistendo agli effetti della primavera, ma non così forti come al solito. Quando inizierà la primavera, ci aspettiamo ancora un’ulteriore spinta verso il basso”.

READ  Aggiornamento settimanale RIVM: 6 volte più positivi i test e il numero di riproduzioni sale a 2,17

Puoi vedere che la primavera è già tarda nel video qui sotto:

Quindi la febbre da fieno è un potenziale effetto primaverile positivo della replicazione del virus, ma anche i raggi ultravioletti del sole, che scompongono le particelle virali, ci aiuteranno. Il virologo Ab Osterhaus ha detto prima: “Ci sono alcune leggi generali per i virus. La ventilazione, il vento esterno e l’umidità giocano un ruolo. I raggi UV distruggono l’RNA del virus”.

Uscire di casa ha un effetto positivo

Anche l’aria esterna può aiutarci un po ‘nella giusta direzione: un terzo effetto primavera. Perché mentre d’inverno eravamo tutti in salotti poco ventilati, usciamo di più in primavera (quando il tempo è bello). “Andare fuori ha un effetto complessivamente positivo”, afferma Peter Lescuere, professore di servizi di costruzione presso TU Delft.

Leskier sa molto sugli aerosol, le minuscole goccioline che possono causare inquinamento. Questo aerosol viene diluito se da qualche parte c’è una buona ventilazione, che ovviamente è il caso all’esterno. Ma avverte anche, perché per sfruttare davvero questa caratteristica dobbiamo continuare ad aderire alle procedure, e questo è meno evidente all’esterno che all’interno. “Questo potrebbe davvero avere conseguenze negative”.

Fuori, il virus si raggrinzisce, ma devi

Quest’ultimo sostiene il presidente di RIVM Jaap Van Dessel. Quando torniamo al settore della ristorazione, ad esempio, Van Dissel dice: “Fuori, c’è una maggiore possibilità che il virus evapori. Non sappiamo esattamente quanto sia grande questa opportunità. Ma c’è anche una maggiore possibilità di ottenere ulteriori infezioni. ” “Devi andare lì, usa il bagno.” Tutto ciò può portare a infezioni.

READ  RIVM: I vaccini proteggono la variante alfa dalla trasmissione del coronavirus

È ora di sfondare completamente la primavera. Ma quando è questo il caso? “Sembra che faccia abbastanza freddo, quindi non è molto positivo”, afferma il meteorologo Mark de Jong di Poenradar. “Ma c’è molto sole fino al Giorno del Re, quindi la luce UV va bene.”

La maggior parte delle persone è allergica alle erbacce

Anche la stagione della febbre da fieno è in aumento, come puoi vedere nella mappa di Buienradar qui sotto, ma le settimane più pesanti stanno ancora arrivando. De Young: “Il polline ora proviene dalle betulle, ma la maggior parte delle persone è allergica alle erbe infestanti e probabilmente arriverà a maggio”.

La conclusione è chiara: la primavera ci aiuterà, sia che sia a causa dell’inizio della stagione del raffreddore da fieno o perché il virus è stato danneggiato dai raggi ultravioletti, a sinistra oa destra, l’infezione sarà in qualche modo ridotta a causa del cambiamento del tempo.

Ma non sarà il colpo finale, bensì dovrà venire dalle vaccinazioni, come dice Hogvin: “Gli effetti della primavera sono temporanei, e la vaccinazione è alla fine l’unico modo per sbarazzarsi del virus”.