QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Presentatrice tv di stato russa: “Il ritiro da Kherson potrebbe essere una trappola per attirare le forze Nato” | Guerra tra Ucraina e Russia

Durante un dibattito alla televisione di stato russa, il presentatore Tigran Keosayan ha affermato che il ritiro dei russi dalla città portuale di Kherson, nel sud dell’Ucraina, potrebbe essere una trappola. Potrebbe far parte di un “piano segreto per attirare le forze della NATO in Ucraina e poi distruggerle”, ha detto Keosayan. Le truppe russe hanno smesso di combattere a Kherson la scorsa settimana, dopodiché l’esercito ucraino è tornato in città.


TVdB


Ultimo aggiornamento:
08:11


fonte:
Settimana delle notizie

“Spero che sia un piano segreto per ottenerli (Forze NATO, editore.), ha detto Keosayan durante un dibattito alla televisione di stato russa sabato. “Ricorda, ne abbiamo parlato la scorsa settimana. Hai detto che probabilmente era una trappola, ma ora sto parlando di una trappola mondiale”.

uno sguardo. La scorsa settimana, l’esercito ucraino è entrato nel porto di Kherson:

“Distruggi tutte le forze”

“Al momento stiamo dimostrando che non possiamo difenderci dalle forze della NATO (…). Attraverseranno i confini di Polonia, Slovacchia, Repubblica Ceca e invaderanno l’Ucraina. Quindi potremo distruggerli tutti”. con Fab (Bombe pesanti, ed.) e napalm. Terrorizzati scapperanno. “Non ho un altro piano”, disse Keosayan, ridendo. “È triste, francamente. Triste perché non corrisponde al discorso che perpetua nella società rispetto al reale stato delle cose”.

Soldati ucraini su una petroliera russa a Kherson (a sinistra), conduttore televisivo russo Tigran Keosayan (a destra). © AP / Twitter

Il ritiro russo da Kherson costituisce una pesante sconfitta per il presidente russo Vladimir Putin. Anche le perdite militari frustrarono i suoi seguaci. Allo stesso modo, il popolare presentatore televisivo russo Vladimir Solovyov ha espresso la sua insoddisfazione per il ritiro durante un’intervista radiofonica lo scorso fine settimana. “Ho gridato da febbraio che dobbiamo attaccare i ponti e distruggere le infrastrutture e le rotte di rifornimento”, ha detto sarcasticamente.

Molti paesi occidentali hanno precedentemente confermato che le forze della NATO non saranno inviate in Ucraina. Invece, hanno continuato a fornire al paese risorse finanziarie e equipaggiamento militare.





READ  La crescita della popolazione cinese rallenta al livello più basso dagli anni '70 | all'estero