QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Preservare la fertilità dopo il cancro? Non abbastanza donne sono indirizzate ai ginecologi: il radar

Solo la metà delle giovani donne malate di cancro viene indirizzata da un ginecologo per discutere le opzioni per preservare la fertilità, ad esempio congelando gli ovuli. Questa è la conclusione del ricercatore e dottorando Michael van den Berg di Radbodomek a Nijmegen.

Le donne possono diventare sterili a causa di chemioterapia, radiazioni o interventi chirurgici sugli organi riproduttivi. Tuttavia, spesso, un ginecologo può congelare gli ovuli o spostare le ovaie prima dell’inizio del trattamento del cancro, il che può aiutare a preservare la fertilità.

“È un peccato che i pazienti abbiano ancora così poca attenzione”

Secondo il dottorando, è un peccato che ai pazienti questo si ricordi così poco, anche se è successo spesso qualche anno fa. Nel mio post, ho chiarito che le donne che ricevono queste cure hanno una qualità di vita migliore dopo la guarigione dal cancro. Anche se non scelgono un trattamento di conservazione della fertilità.

“Mancanza di consapevolezza e conoscenza”

A volte c’è una mancanza di consapevolezza e conoscenza di questo argomento. È anche una questione di tempo, logistica e attitudine. A volte in ospedale non sono disponibili buone informazioni, o non è chiaro chi comanda’, spiega la ginecologa e co-supervisore Ina Beerendonk.

Radboudumc ora ha un profilo Guida alla selezione in linea Progettato per aiutare le donne a scegliere.

Fonte: Agenzia portuale nazionale

READ  L'OMS si aspetta più casi di vaiolo delle scimmie | vaiolo delle scimmie