QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Presto anche le colonne sonore dei film saranno generate dall’intelligenza artificiale

Presto anche le colonne sonore dei film saranno generate dall’intelligenza artificiale

DeepMind, il laboratorio di ricerca sull’intelligenza artificiale di Google, ora può creare colonne sonore per i film che produce. Può sembrare molto logico, ma in realtà questo trucco non è così semplice.

Sebbene molte aziende abbiano già dimostrato la propria capacità di creare video, come OpenAI, Adobe, Microsoft e strumenti simili Macchina da sogno Da Luma Labs, un’adeguata riproduzione del suono è ancora ad un livello elevato. Gran parte del filmato è stato rilasciato senza audio. Ora sembra che sia stata trovata una soluzione, ha detto DeepMind Post sul blog: “Tramite l’addestramento su video, audio e annotazioni aggiuntive, la nostra tecnologia impara ad associare eventi audio specifici a varie scene visive…”

Nelle sue fasi iniziali

Sebbene si parli di questa novità con grande orgoglio, il risultato non ha ancora raggiunto un punteggio molto alto. Pertanto, i suoni generati saranno stereotipati (Nessun gioco di parole previsto) Inoltre, non è davvero convincente. Ma ciò non cambia il fatto che la tecnologia offra potenzialità. Dopotutto, i modelli linguistici dei chatbot come ChatGPT non erano perfetti all’inizio, ma anche quella si è rivelata solo una questione di messa a punto.

Resta quindi da vedere se presto vedremo film sviluppati collettivamente dall’intelligenza artificiale, comprendenti suoni, musica e voci di attori (virtuali). Sebbene siano già stati rilasciati cortometraggi che utilizzano l’intelligenza artificiale, come questo, un film di due ore è ancora molto lontano. Inoltre, DeepMind ha dichiarato di non aver ancora rilasciato la tecnologia per “prevenire gli abusi”, ma forse anche per evitare di offendere l’industria creativa.

Ti sei allenato su YouTube?

La grande domanda che molti creatori di contenuti potrebbero porre: su quali contenuti sono già stati addestrati i modelli video AI? In precedenza è emerso, anche se in modo confidenziale, che OpenAI ha utilizzato video di YouTube per sviluppare il suo software video Sora. Tuttavia, Google non può biasimarli, perché probabilmente lo hanno fatto da soli. Pentola e bollitore, per così dire.

READ  Presentato da: Graham - Daily Nintendo

Resta da chiedersi fino a che punto i videomaker fossero (e siano tuttora) consapevoli di queste pratiche, se questi sospetti siano veri e se esista una base legale per ciò. Anche nel caso della creazione della colonna sonora non viene menzionata la provenienza dei dati di allenamento.

Scopri di più sull’intelligenza artificiale e rimani informato tramite la nostra newsletter.