QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Prima la tosse o prima la febbre alta? Ogni variante del virus sembra avere una sequenza di sintomi diversa

Ciò può anche avere conseguenze sulla velocità con cui si diffonde una particolare variante.

Il COVID-19 colpisce persone diverse in modi diversi. I sintomi possono variare molto o essere inizialmente lievi. I sintomi più comuni sono febbre, tosse e stanchezza. Puoi anche sviluppare una grave mancanza di respiro o mancanza di respiro. Ma quali sintomi compaiono spesso per primi? Lo hanno scoperto i ricercatori.

Richiesta
In precedenza, i ricercatori hanno sviluppato un modello matematico che prevede la sequenza dei sintomi di COVID-19. Questo modello si basa sui dati del primo focolaio di coronavirus in Cina, all’inizio del 2020. In Il nuovo studio Tuttavia, il team di ricerca voleva sapere se l’ordine dei sintomi differiva tra i pazienti di diverse regioni geografiche o con caratteristiche di personalità diverse. Per determinarlo, hanno studiato l’ordine dei sintomi di oltre 370.000 pazienti con coronavirus negli Stati Uniti diagnosticati tra gennaio e maggio 2020.

differenza
I ricercatori hanno fatto una scoperta sorprendente. Perché la sequenza più probabile dei sintomi risulta essere molto diversa tra i malati di coronavirus cinesi e americani. In Cina, la maggior parte dei pazienti affetti da corona sviluppa spesso la febbre all’inizio. Successivamente, una tosse persistente era un disturbo comune, seguito da nausea e talvolta vomito. D’altra parte, i malati di corona americani in molti casi sono stati i primi ad affrontare una fastidiosa tosse. La diarrea è un terzo disturbo spesso menzionato.

Area geografica… o no?
Tuttavia, la domanda intrigante è se queste differenze siano effettivamente legate alla posizione geografica o se abbiano un’altra causa. Il team ha analizzato ulteriori dati provenienti da Brasile, Hong Kong e Giappone. Questo porta a una scoperta sorprendente. Le diverse sequenze di sintomi non sembrano essere correlate alla regione geografica, alle condizioni meteorologiche o alle caratteristiche personali, ma piuttosto a diverse varianti del virus.

READ  Imam, allenatori sportivi e vicini aumentavano la loro preparazione per le vaccinazioni

Variante D614G
La cosiddetta variante D614G era prevalente negli Stati Uniti all’inizio del 2020. Come accennato, la tosse è stato il primo fenomeno comune lì. Quando la variante D614G ha sostituito il coronavirus originale in Giappone, anche qui l’ordine dei sintomi è cambiato. I ricercatori ipotizzano che ciò possa essere correlato all’aumento della prevalenza di D614G.

Varianti di virus
Pertanto, i risultati dello studio sembrano indicare che ogni tipo di virus ha una diversa disposizione dei sintomi. Un risultato molto sorprendente. Peter Kuhn ha detto in un’intervista con Scientias. “Non l’abbiamo mai visto o misurato prima in altre epidemie di virus”.

diffondere
Secondo i ricercatori, la scoperta potrebbe avere conseguenze sulla velocità con cui si diffonde un particolare tipo di virus. “Ad esempio, se la febbre è il primo sintomo, il paziente diventa inabile molto rapidamente”, spiega Kuhn. “Il paziente rimane a casa e non può trasmettere il virus ad altri. Tuttavia, se la tosse, la perdita dell’olfatto o l’affaticamento sono il primo sintomo, potrebbe essere necessario più tempo prima che il paziente si renda conto di avere il virus. Allora ci vuole anche più tempo prima che possono essere testati”. In questo modo, questa variante del virus può diffondersi a molte persone.

salto
Che cosa causa esattamente la differenza nei sintomi per le diverse varianti virali? Kun ci deve ancora la risposta. “Non è ancora chiaro”, dice. Può essere correlato alla mutazione o al cambiamento nella proteina spike. Ma il meccanismo esatto non è stato ancora chiarito».

Kuhn sottolinea che è molto importante mappare la sequenza dei sintomi delle varianti virali emergenti. “Il nostro studio fornisce le prove necessarie che la sequenza dei sintomi sta cambiando e che possiamo modellarla accuratamente”, afferma. “Il prossimo passo è continuare a farlo per le nuove varianti”.

READ  I 300 milioni di colpi di Corona negli Stati Uniti: lievi effetti collaterali, nessuna evidenza di “morti da vaccino”