QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Primo al mondo per il Belgio: tutti coloro che approdano nei nostri porti riceveranno…

Il nostro paese ha iniziato a vaccinare i marinai stranieri nei porti belgi il 26 luglio, il primo del suo genere al mondo, come si è scoperto. La campagna di vaccinazione mira a raggiungere i marittimi che spesso si trovano a bordo di una nave per lunghi periodi.

Circa 80.000 marinai e donne lavorano su 5.500 navi che operano nei porti belgi ogni anno. Un gruppo che viene spesso trascurato quando si tratta di metriche corona, ma è vulnerabile alle epidemie di corona a bordo. Molti marittimi provengono anche da paesi in cui sono disponibili pochi o nessun vaccino contro il coronavirus. Chiunque si registri, effettui il check-out, soggiorni o lavori su una nave marittima in un porto belga ha diritto a un’iniezione. La vaccinazione viene eseguita una volta, con il vaccino Johnson & Johnson, afferma il consigliere per le comunicazioni del ministro Quickenborne Maxime Laporte.

“Ci sono tre siti in cui viene effettuata la vaccinazione: Gand, Anversa e Zeebrugge. Verranno mobilitate cinque squadre, ciascuna con un medico e due infermieri. Stiamo inviando squadre mediche a bordo della nave per ridurre il rischio di diffusione. Siamo il primi al mondo a vaccinare i marinai a bordo”.

Secondo Hilda Brugmann della Antwerp Shipping Association, la situazione è vantaggiosa per tutti. “Gli armatori stanno cercando da tempo di vaccinare i loro equipaggi in modo semplice e sicuro. A lungo termine ne trarremo sicuramente beneficio: non solo sarà più sicuro per tutti coloro che devono salire a bordo della nave in modo professionale, ma corriamo anche un minor rischio di problemi con gli equipaggi infetti al contatto nei nostri porti”.

Questa campagna segue la prima fase dei marinai belgi, iniziata il 2 giugno.

READ  Moderna contesta il possibile collegamento alla cardite: "Nessuna prova scientifica" | medico