QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Processo a Londra: “Green Man” salva i pedoni

Una serie di misure altamente sensate e tecnologiche a Londra hanno dato i loro frutti negli sforzi per mantenere i pedoni al sicuro in città.

Il numero di pedoni morti o feriti gravi è diminuito da 1.350 nel 2019 a 868 nel 2020. Tuttavia, i numeri sono colorati a causa dell’epidemia di Corona, perché ovviamente negli ultimi due anni molte meno persone sono andate al lavoro in auto.

Tuttavia, nel traffico normale, il numero di incidenti mortali o gravi dovrebbe diminuire del 65% entro il 2022, rispetto a 15 anni fa.

Questo calo è in parte dovuto al fatto che i pedoni ricevono il semaforo verde standard in 18 principali passaggi pedonali.

I sensori migliorano la sicurezza e fanno risparmiare tempo

I 18 semafori sono dotati di sensori e diventano rossi solo se il sensore rileva che gli automobilisti stanno guidando verso le strisce pedonali.

La luce si accende automaticamente al “Green Man”.

Nove mesi di test hanno dimostrato che gli automobilisti non perdono quasi tempo, mentre i pedoni hanno il 13% in meno di probabilità di avere un incidente nelle trafficate strade londinesi.

Nel frattempo, i camminatori nell’esperimento hanno risparmiato 1,3 ore al giorno sulle strisce pedonali medie.

Ora, l’autorità dei trasporti della città, Transport for London (TfL), sta cercando di implementare la tecnologia dei sensori in più incroci a Londra e in altre città con l’aiuto del governo del Regno Unito.

Fioriere, piste ciclabili e pali salvano vite

The Green Man at the Crossings non è affatto l’unica iniziativa del TfL che ha fatto diminuire il numero degli incidenti.

Negli ultimi due decenni, il traffico congestionato è scomparso dalla città e ora gli automobilisti pagano i pedaggi nelle ore di punta. Di conseguenza, il numero totale di automobilisti in città è diminuito, riducendo il rischio di incidenti.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan (Laburista), vuole aumentare il limite di velocità su 220 chilometri di strade pubbliche a Londra a 30 chilometri orari entro il 2024, in modo che la velocità non sia sempre fatale.

Zero morti per incidenti stradali nel 2041

Khan è anche uno dei principali motori del progetto “Vision Zero”, che mira a raggiungere zero morti o incidenti gravi entro il 2041.

Oltre al traffico sicuro di pedoni, ciclisti e automobilisti, il progetto presenta una serie di altri vantaggi che possono prolungare la vita delle persone.

A quel punto, CO2Le emissioni sono quasi del tutto scomparse, più persone si muovono attivamente o in buona salute a piedi o in bicicletta e l’aria sopra Londra è molto meno inquinata.

Londra è una delle città più inquinate d’Inghilterra, ma grazie alle numerose iniziative sul traffico intraprese tra il 2010 e il 2020 anche questo è diminuito molto.

Ad esempio, l’organo di governo della London Society stima che in quel periodo siano stati salvati più di quattro milioni di anni di vita a causa della riduzione del traffico automobilistico e quindi della riduzione dell’inquinamento atmosferico.

Ciò significa che più della metà dei nove milioni di residenti di Londra vive un anno in più, in parte a causa del minor consumo di carburante e delle minori emissioni.

READ  L'efficacia del vaccino rimane alta: "Il vaccino boost ha ancora senso"