QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Puoi ancora mangiare cibo ammuffito? – Salute

Macchie nere o verdastre su marmellata, formaggio o verdure indicano la crescita di muffe. Risolvere questo problema eliminando quel punto colpito e mangiando il resto non sembra una strategia salutare. I funghi possono produrre sostanze tossiche che non sono facili da eliminare.

Il cibo non può essere contaminato solo da sostanze che le persone entrano dall’esterno come i pesticidi. Anche le sostanze tossiche possono finire nel piatto in modo naturale, anche attraverso la formazione di muffe. “Quando ai funghi viene data l’opportunità di crescere sopra o all’interno del cibo, in un certo numero di casi formano sostanze tossiche, chiamate micotossine. Non tutti sono causati dagli stessi funghi. Si stima che siano conosciuti 200.000 funghi. Delle centinaia di micotossine identificate Finora alcuni di loro hanno ricevuto molta attenzione a causa dei loro gravi effetti sulla salute”, afferma l’esperto di nutrizione e bioingegnere Eric de Merteler. Le conseguenze vanno da gravi intossicazioni alimentari (nausea e diarrea) se consumate in grandi quantità a effetti a lungo termine come il cancro. Sono possibili anche reazioni allergiche e problemi respiratori.

Visibile

I funghi che crescono in modo indesiderato sul cibo sono generalmente chiaramente visibili e indicano deterioramento. Preferisce crescere a temperature comprese tra 28 e 33°C, in presenza di aria (ossigeno), in ambiente umido. Questo spiega perché le malattie fungine da “micotossine” XE sono comuni nei paesi con climi caldi e umidi. Ma neanche i paesi con climi più temperati – come il nostro – ne sono immuni. La raccolta dopo forti piogge, lo stoccaggio in un’area poco ventilata, la pulizia insufficiente dei materiali contaminati dell’anno precedente, … queste sono le condizioni che favoriscono la crescita dei funghi. I prodotti a base di cereali e loro derivati ​​(pane, pasta…), frutta e verdura secca, frutta fresca e derivati ​​(succhi), caffè, vino, birra e frutta secca sono particolarmente sensibili a muffe e micotossine.

“Tuttavia, non è vero che ogni crescita di muffe è accompagnata dalla formazione di pericolose micotossine. Queste tossine si formano in condizioni di crescita molto specifiche e in limiti di temperatura e umidità abbastanza ristretti. Ma il problema più grande è che come consumatore è impossibile per te sapere in Ora che hai trovato un tale fungo nel tuo cibo o se ha formato sostanze tossiche o meno. Non puoi dedurlo dall’aspetto del fungo. Ecco perché è meglio sbagliare di lato di cautela ed evitare tutti i funghi indesiderati”. Conferma Eric de Merteler.

READ  Le organizzazioni umanitarie avvertono della situazione Corona in Africa:...

Cosa puoi fare da solo?

La maggior parte delle micotossine provoca danni permanenti alla salute solo se contengono un livello elevato di tossine o se consumate regolarmente in quantità limitate. Tuttavia, puoi fare molto da solo per evitare il contatto con le micotossine.

1. Conservare i prodotti freschi in un luogo fresco e asciutto. Verdure fresche e carne fresca in frigorifero e prodotti come erbe aromatiche e pane in luogo asciutto. Coprire sempre gli alimenti in frigorifero.

2. Controlla i cereali integrali (in particolare mais, sorgo, grano e riso), fichi secchi e frutta a guscio come arachidi, pistacchi, mandorle, noci, cocco, noci del Brasile e nocciole che sono tutti regolarmente contaminati da aflatossine (un tipo di tossina ) per i segni di muffa e scartarli se appaiono ammuffiti, scoloriti o appassiti;

3. Quando una mela o un altro frutto ha una macchia di marciume marrone chiaro, è meglio sbarazzarsene, la macchia è ancora molto piccola e molto locale. Quindi è meglio tagliare abbastanza massa attorno ad esso e prestare molta attenzione al gusto. Se c’è ancora una notevole differenza di gusto, è meglio scartare il frutto intero.

4. I vasetti di yogurt che mostrano segni di muffa su tutta la superficie devono essere gettati nella spazzatura. La ricerca mostra che in una ciotola di yogurt o mousse al cioccolato, che ha una macchia di muffa da 3 a 4 mm sulla superficie, le micotossine si trovano in un raggio di 10 cm intorno a loro. Questo significa, di regola, fino al fondo del barattolo! Più acqua contiene un alimento, più in profondità possono diffondersi i composti fungini. Si scoprì, ad esempio, che in un barattolo di marmellata, con la muffa in superficie, si potevano trovare micotossine fino al fondo del barattolo.

5. Il pane, in particolare i prodotti integrali, può marcire rapidamente. Se si trova della muffa all’interno del pane, è meglio scartare il pane intero. La muffa può essere molto locale, ma non è sempre facile individuarla. La maggior parte delle macchie di muffa sul pane sono di colore blu o nero.

6. Non prendere noci, cereali, frutta secca, erbe o latticini da un viaggio fuori dall’Europa. Il controllo delle sostanze nocive è meno rigoroso lì. Puoi anche acquistare e mangiare questi alimenti in Europa senza preoccupazioni.

READ  Il fisico afferma di aver risolto il mistero della coscienza

Il cibo non può essere contaminato solo da sostanze che le persone entrano dall’esterno come i pesticidi. Anche le sostanze tossiche possono finire nel piatto in modo naturale, anche attraverso la formazione di muffe. “Quando ai funghi viene data l’opportunità di crescere sopra o all’interno del cibo, in un certo numero di casi formano sostanze tossiche, chiamate micotossine. Non tutti sono causati dagli stessi funghi. Si stima che siano conosciuti 200.000 funghi. Delle centinaia di micotossine identificate Finora alcuni di loro hanno ricevuto molta attenzione a causa dei loro gravi effetti sulla salute”, afferma l’esperto di nutrizione e bioingegnere Eric de Merteler. Le conseguenze vanno da gravi intossicazioni alimentari (nausea e diarrea) se consumate in grandi quantità a effetti a lungo termine come il cancro. Sono possibili anche reazioni allergiche e problemi respiratori e la muffa che cresce indesiderata sul cibo è solitamente chiaramente visibile e indica il deterioramento. Preferisce crescere a temperature comprese tra 28 e 33°C, in presenza di aria (ossigeno), in ambiente umido. Questo spiega perché le malattie fungine da “micotossine” XE sono comuni nei paesi con climi caldi e umidi. Ma neanche i paesi con climi più temperati – come il nostro – ne sono immuni. La raccolta dopo forti piogge, lo stoccaggio in un’area poco ventilata, la pulizia insufficiente dei materiali contaminati dell’anno precedente, … queste sono le condizioni che favoriscono la crescita dei funghi. I prodotti a base di cereali e loro derivati ​​(pane, pasta…), frutta e verdura secca, frutta fresca e derivati ​​(succhi), caffè, vino, birra e frutta secca sono particolarmente sensibili a muffe e micotossine. Una pericolosa micotossina, queste tossine si formano in condizioni di crescita molto specifiche ed entro limiti abbastanza ristretti di temperatura e umidità, ma il problema più grande è che è impossibile per te come consumatore sapere quando hai una tale muffa che trovi nel tuo cibo indipendentemente dal fatto che si tratti o meno di composizione di sostanze tossiche; Non puoi dedurre questo dall’aspetto del fungo. Ecco perché è meglio peccare con cautela ed evitare tutti i funghi indesiderati”, sottolinea Eric de Merteler. Le micotossine causano danni permanenti alla salute solo se sono ricche di tossine o se consumate regolarmente in quantità limitate. Tuttavia, puoi farlo più te stesso per evitare il contatto con le micotossine Conservare i prodotti freschi in un luogo fresco e asciutto Verdure fresche e carne fresca in frigorifero e prodotti come erbe aromatiche e pane in un luogo asciutto Coprire sempre gli alimenti nel frigorifero 2. Controllare i cereali integrali (soprattutto mais, sorgo, grano e riso) fichi secchi e noci come arachidi, pistacchi, mandorle, noci, cocco, noci brasiliane e nocciole che sono tutti regolarmente contaminati da aflatossina (un tipo di veleno) per i segni di muffa, e scartarli se sembrano ammuffiti, scoloriti o appassiti. Quando una mela o un altro frutto mostra una macchia marrone chiara, è meglio eliminarla, la macchia è ancora molto piccola e molto locale. Quindi è meglio tagliare abbastanza massa attorno ad essa e prestare molta attenzione al gusto. Se c’è ancora una differenza evidente nel gusto, è meglio Sbarazzati dell’intero frutto. 4. I vasetti di yogurt che mostrano segni di muffa su tutta la superficie devono essere gettati nella spazzatura. La ricerca mostra che in una ciotola di yogurt o mousse al cioccolato, che ha una macchia di muffa da 3 a 4 mm sulla superficie, le micotossine si trovano entro un raggio di 10 cm intorno ad essa. Questo significa, di regola, fino al fondo del barattolo! Più acqua contiene un alimento, più in profondità possono diffondersi i composti fungini. Ad esempio, si è scoperto che in un barattolo di marmellata, con la muffa in superficie, si potevano trovare micotossine fino al fondo del barattolo. Il pane, in particolare i prodotti integrali, può rapidamente ammuffire. Se si trova della muffa all’interno del pane, è meglio scartare il pane intero. La muffa può essere molto locale, ma non è sempre facile individuarla. La maggior parte delle macchie di muffa sul pane sono di colore blu o nero. Non portare con te frutta a guscio, cereali, frutta secca, erbe o latticini da un viaggio fuori dall’Europa. Il controllo delle sostanze nocive è meno rigoroso lì. Puoi anche acquistare e mangiare questi alimenti in Europa senza preoccupazioni.

READ  Infettare la corona apposta: molto poco saggio secondo gli esperti