QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Puoi effettivamente ottenere l’aura dal tuo gatto

Per la prima volta, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che un gatto ha infettato un essere umano. Anche se questa non è probabilmente una delle principali vie di infezione.

È stato dimostrato più e più volte che le persone possono trasmettere il coronavirus ai loro gatti. Già nel marzo 2020 i ricercatori dell’Università di Liegi hanno descritto il primo problema

Ma il contrario, che il gatto infetta gli esseri umani, non è stato mostrato prima. Fino ad ora.

tailandese ricercatori Ha indagato sul caso speciale di un uomo di 64 anni e del figlio di 32 anni. I risultati dei test sono stati positivi nell’agosto dello scorso anno nella capitale, Bangkok. Senza letti d’ospedale disponibili, hanno percorso 900 chilometri in ambulanza con il loro gatto. Il gatto dormiva nello stesso letto dei pazienti.

Tre veterinari hanno esaminato il gatto al suo arrivo. Il gatto si è tagliato il naso e ha starnutito in faccia a un veterinario. Qualche istante dopo, il veterinario ha sviluppato febbre, naso che cola e tosse. Si è scoperto che aveva la corona.

Il gatto aveva anche molti virus nel naso, come si è scoperto in seguito. Una volta appreso che il gatto era risultato positivo, le è stato permesso di raggiungere i suoi proprietari in ospedale. Insieme a uno dei pazienti, al gatto è stato permesso di lasciare di nuovo l’ospedale.

Graspop sembra essere una fonte di infezione coronarica

Tutti i contatti umani sono stati testati dal veterinario mediante tracciamento dei contatti. Solo uno di loro aveva il coronavirus, ma non era nemmeno lo stesso tipo di virus. Inoltre, la surrogata contratta dal veterinario non era in circolazione nella provincia thailandese dove vive e lavora.

READ  Centinaia in quarantena nella prigione di Zaanstad | interni

L’analisi genetica ha rivelato che il veterinario aveva contratto lo stesso ceppo di virus dei due uomini e del gatto. Dal momento che il veterinario non ha mai incontrato i due uomini, la conclusione è: deve essere il gatto.

Il virologo Stephen van Gucht (Scensano) non è sorpreso. È la prima volta che viene mostrato, ma per me è chiaro. Se riesci a trovare il virus nel naso, è probabile che anche l’animale trasmetta il virus.

Affinché un animale possa infettare l’uomo con il virus Corona, nessuno dovrebbe portare il suo latte. Se ciò non fosse possibile, non sapremmo di una pandemia negli ultimi anni.

Visone, criceto, cervo

Fuori prima Analitica Si scopre che molti mammiferi possono essere infettati dal virus, perché hanno i recettori che il virus prende di mira. Ma l’elenco degli animali per i quali è già stata documentata la trasmissione da animale a uomo è al momento breve. visone Ho passato il virus in Olanda, criceto a Hong Kong e Filatore in Canada. Un gatto tailandese è stato ora aggiunto a quell’elenco.

I gatti sembrano essere più sensibili all’infezione da corona rispetto ad altri animali domestici. Anche i cani possono essere infettati, ma il virus si replica lentamente nei cani. Un esperimento ha dimostrato che i gatti possono infettare anche altri gatti.

Gli autori dello studio affermano che sebbene ora sembri che i gatti possano infettare gli esseri umani, probabilmente non è una delle principali vie di trasmissione. I gatti si liberano del virus per un periodo di tempo più breve. In ogni epidemia è una realtà diversa. La diffusione tra le persone rimane la via più importante, afferma Van Guchte.

READ  Gli oncologi negli Stati Uniti stanno ottenendo risultati nel loro approccio al cancro del pancreas

Ma diffondere il virus dagli animali all’uomo è potenzialmente pericoloso. Se i virus si diffondono negli animali, possono mutare in una nuova specie. Saltando negli esseri umani, potrebbe essere introdotta una nuova variante potenzialmente pericolosa per l’uomo. Per questo motivo i visoni venivano macellati in massa in Olanda e Danimarca. Questo è meno importante con i gatti, poiché sono animali alquanto solitari. Ma si diffonde senza intoppi tra i cervi nordamericani. Lì è stato allestito un serbatoio per animali, afferma Van Gucht.

I ricercatori hanno tratto due lezioni dal loro caso di studio. La prima lezione è che i veterinari dovrebbero anche indossare una visiera quando esaminano animali che potrebbero avere la corona. Il veterinario indossava una maschera facciale FFP2 e guanti. Potresti aver contratto l’infezione attraverso il liquido oculare.

La seconda lezione è che le persone che (forse) hanno il coronavirus dovrebbero stare lontane dal loro gatto. Baciare il tuo animale domestico o lasciare che ti lecchi la faccia non è sicuramente una buona idea. Non lasciare che l’animale dorma con te, dice van Guchte.

Un autore ha affermato che le persone dovrebbero prendere ulteriori precauzioni se sospettano che i loro gatti siano stati infettati temperare la natura† “Non dovrebbero abbandonare il loro gatto, ma trattarlo con più cura.”