QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Puoi mangiare la frutta dopo aver mangiato o no? L’esperto di nutrizione dà un’occhiata più da vicino al mito | mangiare

Un pezzo rinfrescante di anguria o fragole e lamponi freschi ora che è di stagione: in estate ci piace mangiare un frutto per dessert. Le possibilità che tu non abbia sentito la tromba che la frutta contenga molto zucchero e che non dovresti mangiare frutta dopo cena sono scarse. Ma c’è del vero in queste affermazioni? La nutrizionista Caroline Olarts lo spiega una volta per tutte.

Chi ama mangiare sano raggiungerà automaticamente un frutto più velocemente come spuntino o anche come dessert. D’altra parte, si sente spesso dire che si può anche mangiare molta frutta, perché la frutta contiene zuccheri. Ma è davvero così? “La quantità raccomandata di frutta per gli adulti è in media da due a tre pezzi al giorno”, spiega la nutrizionista Caroline Olarts. Naturalmente c’è una differenza tra pezzi di frutta più grandi e più piccoli. Un pezzo di solito si riferisce a circa 100 grammi. Tieni presente che questo importo è una guida. È meglio per te mangiare più frutta? Poi ovviamente anche questo è possibile. Soprattutto, ascolta il tuo corpo”.

Grande situazione di frutta secondo Carola? A volte le persone usano la frutta come sana alternativa, quando si sentono davvero come una scaglia di zucchero. Di conseguenza, mangi spesso una mela, una pera e una banana invece di un waffle per farti sentire meglio Voglie assecondare. In questo modo colmi una lacuna mentalmente in modo da mangiare molto di più. Ecco perché penso che a volte sia così interessante mangiare solo ciò che si sente veramente e scegliere quella scheggia di zucchero una tantum”.

READ  Google rende gratuita la schermata di selezione del motore di ricerca Android e mostra più opzioni - tablet e telefoni - notizie

“Mangi frutta a colazione? Quindi uniscila a farina d’avena, semi, noci o latticini”, afferma la nutrizionista Caroline Olarts. © Getty Images / Camera RF

Leggi di più sotto l’immagine.


citazioni

È sempre una buona idea combinare frutta, proteine, grassi e carboidrati lenti.

La nutrizionista Caroline Olairts

Frutta per una sana colazione, dopo i pasti malsani: realtà o finzione?

Per quanto riguarda la quantità di frutta, è meglio ascoltare il tuo corpo. E quando e come consumare al meglio la frutta? “È sempre bene combinare frutta con proteine, grassi e carboidrati lenti”, continua Olaerts. “Mangi frutta a colazione? Quindi mescolala con farina d’avena, semi, noci o latticini. La frutta è una buona fonte di vitamine e minerali, ma è nutrizionalmente limitata e contiene principalmente acqua e zuccheri, quindi anche quando si mangia la frutta come spuntino è una buona idea abbinarlo ad Un’altra cosa. Ad esempio una fetta di mela con burro di arachidi o una pera con yogurt e cannella sono sempre opzioni equilibrate e farcite.

Si sente spesso dire che la frutta a colazione fa bene, così come è meglio lasciarla fuori dopo cena. “È un mito che la frutta diventi malsana dopo averla mangiata”, sottolinea Caroline. “È molto soggettivo ed è meglio se scopri come reagisce il tuo corpo ad esso. Personalmente, amo mangiare le mele, ma quando le mangio dopo un pasto, mi sento gonfio. Non ti dà fastidio dopo aver mangiato? Allora divertiti e mangia frutta dopo il pasto. Ti gonfi ogni volta? Allora il tuo corpo ti dice che è meglio mangiare la frutta in momenti diversi. “

Chi è Caroline Olaierts?

La nutrizionista Caroline Olarts gestisce il blog La cucina di Carola Possiede il famoso account Instagram con lo stesso nome. È anche autrice di “Just Healthy”, “Karola’s Kitchen” e “Karola’s Kitchen: The Cookbook”. Nelle sue ricette, punta sempre su una cucina deliziosa, onesta e piena di equilibrio.

Leggi anche:

Dopo tutte quelle terrazze con il bel tempo: come ti sbarazzi velocemente di quella spazzatura? Il tossicologo avverte: “Non prendere il paracetamolo se bevi” (+)

Per gusto o puramente funzionale: perché mangiamo il gelato da un cono?

Da un’oasi magica a una giungla tropicale: un giornalista culinario guida i 10 posti dove mangiare più belli del nostro Paese (ed è anche delizioso) (+)