QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Putin pronuncia per la prima volta la parola proibita, gli Stati Uniti replicano: “L’aggressione russa ha causato distruzione, qualunque termine usi”

Venerdì gli Stati Uniti hanno invitato il presidente russo Vladimir Putin a riconoscere la realtà del conflitto in Ucraina e a ritirare le sue forze. La risposta di Washington è arrivata dopo che Putin ha usato la parola tabù “guerra” in una conferenza stampa poco prima parlando dell’Ucraina, dove di solito si riferisce a una “operazione militare speciale”.

gliFonte: BELGA

Leggi anche. Perché la Russia sta combattendo una guerra di logoramento: “qualcosa che la NATO non può fare” (+)

Dall’inizio della guerra, le autorità russe hanno introdotto una legge che impone dure pene detentive a coloro che diffondono informazioni presumibilmente “false” sull’esercito russo, e molte persone sono state condannate su questa base, anche dopo aver pubblicamente definito il conflitto un “guerra”.

Ma Putin ha parlato giovedì in una conferenza stampa quando ha affermato che l’intenzione di Mosca non era quella di “prolungare il conflitto militare, ma, al contrario, di porre fine alla guerra”.

Leggi anche. Il millesimo numero consecutivo: un ricco russo è morto in circostanze misteriose, sempre dopo essere “caduto dalle scale” (+)

“Dal 24 febbraio, gli Stati Uniti e il resto del mondo hanno capito che l'”operazione militare speciale” è una guerra non provocata e non provocata contro l’Ucraina”, ha affermato un portavoce del Dipartimento di Stato americano. Ora, 300 giorni dopo, Putin ha dato il nome alla guerra. Come prossimo passo per realizzare la realtà, lo esortiamo a porre fine a questa guerra ritirando le sue forze dall’Ucraina.” “L’assalto della Russia alla sovranità del suo vicino ha causato morte, distruzione e sfollamento, qualunque sia il termine usato da Putin”, ha concluso il ministero.

READ  Mosca mette in dubbio la legalità del confine lituano e ora minaccia anche la Moldova

Leggi anche. “Un’arma che non avrà eguali al mondo per molto tempo”: perché Putin non esagera sul missile Satan II, che dice essere quasi dispiegabile (+)