QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Putin: smetteremo di fornire petrolio o gas se i prezzi saranno limitati

Il presidente Vladimir Putin ha minacciato all’Eastern Economic Forum nella città portuale russa di Vladivostok che la Russia avrebbe interrotto la fornitura di petrolio o gas se l’Occidente avesse tagliato i prezzi. Ha descritto il piano dell’Europa in tal senso come “sciocco”.

L’Occidente è in declino. L’Asia è il futuro. Questa è una delle tante cose che Vladimir Putin ha detto mercoledì all’Eastern Economic Forum di Vladivostok. Si è concentrato principalmente sul mondo occidentale, ora che la Commissione europea ha proposto un tetto massimo per il prezzo del petrolio e del gas russo. Putin definisce questa idea “sciocca”, perché dice che porterà a “prezzi energetici internazionali più elevati” e “problemi economici per l’Europa”.

Proprio la scorsa settimana, il Gruppo dei Sette, le sette maggiori nazioni industrializzate, ha suggerito di voler imporre un tetto al prezzo del petrolio russo. Putin ha detto che la Russia rinuncerebbe ai suoi contratti di fornitura se l’Occidente andasse avanti con i suoi piani. Non manterremo le nostre promesse. Non risparmieremo gas, petrolio, carbone, olio combustibile – non risparmieremo nulla. Se i paesi europei vogliono rinunciare al loro vantaggio competitivo, la decisione spetta a loro”.

Febbre delle sanzioni occidentali

La pandemia di Corona ha lasciato il posto a nuove sfide globali che minacciano il mondo. Sto parlando della febbre delle sanzioni occidentali”. Putin dice che da quando ha ordinato la sua “operazione militare speciale” il 24 febbraio in Ucraina, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno condotto una guerra economica contro la Russia con le sanzioni più dure della storia moderna.

La Commissione europea ha accusato Mosca questa settimana di utilizzare le forniture di gas come arma politica per fare pressione sull’Europa. “Un’altra cosa”, ha detto Putin. Quale arma usiamo? Consegniamo il più possibile in base alla richiesta dei paesi importatori.

READ  Una capsula del tempo del 1875 trovata sotto una controversa statua del generale americano Lee

Si dice che il gasdotto Nord Stream 1, che trasporta il gas dalla Russia alla Germania, sia stato riavviato sabato scorso dopo essere stato chiuso per manutenzione mercoledì scorso. “Siamo giunti a un vicolo cieco a causa delle sanzioni per rappresaglia”, ha detto Putin. Ha confermato il funzionamento del gasdotto Nord Stream 2.

Dall’inizio del conflitto, i paesi europei si sono impegnati a ridurre significativamente la loro dipendenza dall’energia russa. Nel frattempo, la Russia ha interrotto la fornitura di tre dei più grandi gasdotti verso l’Europa e ha deviato le sue forniture di petrolio a est. Ad esempio, secondo il presidente, è già stato concluso un accordo con la Cina per esportare più gas attraverso un gasdotto in Mongolia.

disastro umanitario

Durante il forum economico, al presidente russo è stato anche chiesto se la Russia avesse qualcosa da perdere a causa della guerra in Ucraina. Putin ha ribadito che con le sue azioni la Russia vuole rafforzare la propria sovranità e “aiutare” la popolazione del Donbass. Il presidente ha ammesso che la decisione di Mosca di inviare truppe in Ucraina ha creato “una certa polarizzazione” “sia nel mondo che nel Paese”.

Putin ha anche parlato delle esportazioni di grano dall’Ucraina, che secondo lui vanno in gran parte ai paesi europei e non ai paesi che ne hanno più bisogno. Putin ha detto che potrebbe portare a una “catastrofe umanitaria”. Forse dovremmo pensare a un modo per limitare l’esportazione di grano e altri generi alimentari attraverso il percorso attuale.

Infine, ha sottolineato, è impossibile isolare la Russia dal resto del mondo: “Lo abbiamo sempre detto. Guarda la mappa.’

READ  Un uomo di 38 anni è stato arrestato con l'accusa di aver ucciso un insegnante britannico