QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quanti anni hai, di che sesso e da quale parte del Paese? Questi sono i numeri dietro 606 morti per coronavirus nel 2022

immagine a tema © Belgio

Grazie alle vaccinazioni il numero dei decessi è diminuito sensibilmente rispetto alle ondate precedenti, ma ancora oggi una ventina di persone muoiono ogni giorno dopo aver contratto il Corona virus. In totale, 606 persone con corona sono morte dall’inizio dell’anno. Tra questi, il numero degli uomini è molto maggiore delle donne.

All’inizio dell’epidemia, morirono più donne e in seguito i numeri sembravano corrispondere. Secondo il virologo Stephen van Gucht (Sciensano), c’è una spiegazione logica per questa tendenza. In origine, la maggior parte dei decessi si verificava al di sopra degli 85 anni. Ora la vita media è più bassa. “Durante la prima ondata, c’è stato un gran numero di decessi principalmente nelle strutture di assistenza residenziale”, afferma Van Gucht. “L’aspettativa di vita delle donne è più alta e ci sono più donne in assistenza residenziale. Ora solo un decesso su cinque è residente in un centro di assistenza residenziale. Questo ha un peso molto inferiore nelle statistiche”.

E così ora c’è un effetto visibile per qualche tempo. Con Covid-19, vediamo fin dall’inizio che gli uomini hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie e complicazioni gravi. “È più probabile che si ammalino gravemente che ammalarsi”, dice Van Gucht. Come ciò avvenga è incerto. Le influenze ormonali possono avere un ruolo. Di solito anche il sistema immunitario delle donne è più grave”.

Leggi anche. Quest’anno sono morti più uomini che donne dopo aver contratto il coronavirus: “C’è una ragione per questo”

(Leggi di più sotto il grafico)

Inoltre, gli uomini hanno spesso disturbi di base, afferma l’epidemiologo Pierre Van Damme (UZA). Pensa all’obesità, ma anche alle malattie polmonari croniche. Il comportamento del fumo è sempre stato molto diverso negli uomini”.

Anche un diverso atteggiamento nei confronti della vaccinazione può svolgere un ruolo. Anche se non è ancora chiaro se ci sia una differenza tra uomini e donne. “È noto che gli uomini non sposati, ad esempio, hanno un tasso di vaccinazione inferiore rispetto agli uomini sposati”, afferma Van Damme. “In ogni caso, la vaccinazione è un determinante significativo dei tassi di mortalità”.

Leggi anche. Un gruppo ora principalmente contagiato dal coronavirus: “Il tasso di infezione è un terzo più alto lì”

(kca)

READ  Il dubbio su un vaccino ha anche qualcosa a che fare con chi fornisce le informazioni: la salute