QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quanto sono realistici gli effetti collaterali dei vaccini corona? – sapere

Minore è un effetto collaterale riportato dopo una vaccinazione corona, maggiore è la possibilità che fosse dovuto all’effetto nocebo: disturbi dovuti alla paura della malattia.

La mente umana è una cosa strana. A volte sembra che faccia quello che vuole, a prescindere dalla logica. Un buon esempio è il noto effetto placebo: i pazienti migliorano perché credono che le loro pillole li curino, mentre la pillola non fa nulla. Meno noto è il suo omologo: l’effetto nocebo. Questo fa ammalare le persone perché pensano di avere a che fare con qualcosa di disgustoso. Non è stato ufficialmente descritto fino al 1983, ma le prime indicazioni risalgono agli anni ’40, e sono state collegate ad analisi della cultura voodoo, che può portare a morte le persone terrorizzandole. L’effetto del nocebo è stato nel frattempo descritto per condizioni come reazioni allergiche, dolore muscolare, disfunzione erettile e disturbi gastrointestinali.

La mente umana è una cosa strana. A volte sembra che faccia quello che vuole, a prescindere dalla logica. Un buon esempio è il noto effetto placebo: i pazienti migliorano perché credono che le loro pillole li curino, mentre la pillola non fa nulla. Meno noto è il suo omologo: l’effetto nocebo. Questo fa ammalare le persone perché pensano di avere a che fare con qualcosa di disgustoso. Non è stato ufficialmente descritto fino al 1983, ma le prime indicazioni risalgono agli anni ’40, e sono state collegate ad analisi della cultura voodoo, che può portare a morte le persone terrorizzandole. L’effetto del nocebo è stato nel frattempo descritto per condizioni come reazioni allergiche, dolore muscolare, disfunzione erettile e disturbi gastrointestinali. Nell’ottobre 2020, Frontiers in Psychology ha pubblicato un’analisi del potenziale ruolo dell’effetto nocebo nella crisi del Corona. Ha detto che la paura è un’emozione che può essere contagiosa quanto il virus stesso. L’ansia può ostacolare il recupero dopo un infortunio o un trattamento. Le persone ansiose risentono dell’effetto nocebo più delle persone meno ansiose e le donne più degli uomini. E l’isolamento sociale è catastrofico, che ha svolto un ruolo più forte nella crisi del Corona con misure di quarantena rispetto ad altre condizioni mediche, specialmente quando le persone erano in contatto con informazioni che facevano temere la vaccinazione. Nel 2021, analisti di riviste come The Journal of Public Health e Expert Review of Clinical Pharmacology hanno collegato l’effetto del nocebo alle campagne di disinformazione sui vaccini contro il coronavirus e sulla resistenza alle vaccinazioni. Soprattutto quando le persone si sentono impotenti, in parte a causa di informazioni contraddittorie, ne sono vulnerabili. Se le persone si aspettano un effetto negativo dalla vaccinazione, ci sono anche meno possibilità che risponda bene. Si è quindi resa necessaria una maggiore consapevolezza dell’effetto nocebo, al fine di contrastarlo il più possibile. È chiaro che ci sono rischi per la salute concreti legati alla vaccinazione, anche nell’ambito del Corona. Le persone sono morte dopo la vaccinazione, anche se pochissime. Ad esempio, ci sono poche possibilità di problemi con i coaguli di sangue dopo l’iniezione di un vaccino a base di adenovirus – in concreto, questo si riferisce ai vaccini contro il coronavirus di AstraZeneca e Johnson & Johnson. Gli scienziati stanno cercando freneticamente il meccanismo sottostante. Un rapporto è apparso su Scientific Reports indicando che la superficie dell’adenovirus vettore potrebbe fungere da magnete per le piastrine, favorendo la formazione di coaguli. Se ciò si verifica in un luogo pericoloso del corpo, possono sorgere problemi di salute eccezionalmente gravi. La scienza ha pubblicato un’analisi dei risultati secondo cui dopo la vaccinazione le persone possono manifestare i sintomi di quello che è stato chiamato polmone covid: gli effetti a lungo termine dell’infezione da coronavirus. Secondo lo studio, dal 5 al 30% delle persone può soffrire di malattia polmonare da Covid per anni dopo un’infezione virale, anche se non mostra alcun sintomo dell’infezione. Si manifesta in una vasta gamma di reclami. Eccezionalmente, la malattia può verificarsi anche dopo la somministrazione del vaccino corona. Ad esempio, ci sono pazienti che hanno sviluppato miocardite dopo l’iniezione di un vaccino mRNA (di Pfizer o Moderna), una condizione che può essere trattata se rilevata in tempo. Altre persone sperimentano sintomi che vanno da un battito cardiaco irregolare e rilassamento muscolare a un tipo di shock elettrico interno. Altri ancora comportano una perdita dell’udito a lungo termine o anomalie del ciclo mestruale. Le denunce sono così diverse, nell’aspetto oltre che nella gravità e nella durata, che è difficile trovare una linea. Ci possono essere diverse ragioni per questo. La teoria popolare è che la malattia polmonare da Covid sia il risultato di un malfunzionamento delle difese dell’organismo e che inizi ad attaccare le proprie cellule – una reazione autoimmune. È anche possibile che si formino comuni coaguli di sangue che causano problemi. Poiché i vaccini contengono una piccola porzione innocua del virus che deve stimolare il sistema immunitario a costruire una difesa, in rari casi possono provocare le stesse reazioni avverse del virus stesso. Questo non è certo, tuttavia. Gli scienziati continuano a insistere sul fatto che la possibilità di problemi dopo l’infezione da virus è ancora molto maggiore della possibilità di effetti collaterali della vaccinazione: la differenza può arrivare fino a un fattore mille. Un recente rapporto su Nature ha concluso che la vaccinazione di solito riduce significativamente la possibilità di contrarre il virus polmonare COVID-19, piuttosto che provocarlo. Le persone che sono state vaccinate e che hanno poi contratto il virus avevano la metà delle probabilità di sviluppare sintomi di malattia polmonare da Covid rispetto a quelle che non erano state vaccinate. Questo può significare un’enorme differenza nella qualità degli anni di vita. La maggior parte degli effetti collaterali della vaccinazione sono relativamente modesti e innocui, il che non significa che non debbano essere presi alla leggera. Più comunemente, comporta affaticamento, mal di testa, dolore ai nervi, cambiamenti imprevisti della pressione sanguigna e problemi di memoria a breve termine. È in questo contesto che compare l’effetto nocebo. Uno studio pubblicato su The Lancet Regional Health Europe all’inizio di quest’anno ha concluso che “una parte significativa” degli effetti collaterali segnalati non era dovuta al vaccino stesso, ma all’effetto nocebo a causa del fatto che tu lo avessi o meno . Un po’ preoccupato per il vaccino… la vaccinazione. Potrebbe interessare più persone che saranno aiutate con uno dei vaccini mRNA: vaccini basati su una nuova tecnologia. Gli autori avvertono che l’effetto del nocebo può essere così forte da compromettere la protezione fornita dal vaccino. Hanno anche affermato che questi reclami sono spesso piuttosto soggettivi e difficili da misurare. La paura degli aghi era un fattore aggravante, così come le reazioni negative di altre persone alla vaccinazione. I personaggi tangibili sono apparsi al JAMA Network Open. Almeno il 76% degli effetti collaterali minori riportati dopo la prima vaccinazione erano dovuti all’effetto nocebo. Per la seconda vaccinazione, il tasso era del 52%. Questi sono grandi numeri. Minore è l’effetto collaterale, più è probabile che si verifichi il nocebo. Il legame tra nocebo e disturbi può essere fatto risalire all’attività dei trasmettitori di stimoli del cervello, che sono associati ad ansia e stress e possono provocare un’ampia gamma di reazioni, tra cui disturbi cardiaci e mal di testa. Succede anche il contrario. Un recente studio sull’American Journal of Preventive Medicine ha concluso che per molte persone la vaccinazione fornisce una spinta positiva alla loro salute mentale, dando loro una maggiore resistenza. Quindi la storia funziona in due direzioni, a seconda della personalità del paziente.

READ  Sempre più persone soffrono di scabbia, condizione della pelle