QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quasi il 70% dei donatori ha anticorpi anti-Coronavirus nel sangue دم

Foto: CC0

Tra i donatori di sangue olandesi, il 69,5% ha ora anticorpi contro il coronavirus nel sangue, secondo un rapporto della banca del sangue di Sanquin.

Il dipartimento di ricerca della banca del sangue controlla ogni mese circa 2.000 campioni di sangue alla ricerca di anticorpi contro il virus. Un mese fa, quella percentuale era ancora al 54%. “La vaccinazione è la principale forza trainante di questo aumento”, spiega Sanquin.

Gli anticorpi si trovano anche nel sangue se qualcuno ha un’infezione da corona. Sanquin può utilizzare i test per determinare se gli anticorpi contro il virus provengono dalla vaccinazione o dall’infezione. Tra i donatori di sangue di età superiore ai 70 anni il cui sangue è stato ora esaminato in modo più dettagliato, quasi tutti hanno anticorpi nel sangue: l’88 percento dalla vaccinazione e il 10 percento da una precedente infezione.

Tra i donatori di età compresa tra 61 e 70 anni, il 77% aveva anticorpi a causa della vaccinazione e il 16% a causa dell’infezione. Nella fascia di età più giovane, dai 18 ai 30 anni, solo il 43% ha anticorpi anti-Coronavirus nel sangue. Nella metà dei casi ciò è dovuto alla vaccinazione, l’altra metà dei donatori più piccoli ha contratto il virus una volta. “La strategia di vaccinazione si riflette chiaramente nella suddivisione per età”, riassume Sanquin i risultati. Dopotutto, è stato punto dal vecchio al giovane.

Secondo la banca del sangue, non è possibile determinare la percentuale di persone che dovrebbero avere anticorpi per sopprimere la circolazione al coronavirus. Per ottenere la cosiddetta immunità di gregge, questa deve essere una percentuale più alta di quella che era prima che emergessero ulteriori varianti infettive del virus, come la variante delta. Questa variante, precedentemente chiamata variante indiana, provoca una maggiore incidenza di infezioni. Sanquin si occupa solo di adulti, poiché i minori non possono donare il sangue. Ciò è consentito dall’età di 18 anni. Non è stato ancora deciso se anche i giovani possano beneficiare della vaccinazione. L’Assessorato alla Salute sta ancora lavorando a un rapporto consultivo sulla questione. L’uscita è prevista per la fine di questo mese. Il governo lo sta aspettando.

READ  Un forte aumento del tasso di sopravvivenza dei bambini malati di cancro | interni