QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quattro agenti di polizia accusati della morte dell’afroamericana Briona Taylor all’estero

Il procuratore generale degli Stati Uniti ha annunciato giovedì che saranno presentate accuse contro quattro agenti di polizia per la morte di Breonna Taylor. La donna afroamericana è stata uccisa a colpi di arma da fuoco nel suo appartamento a Louisville nel 2020. Taylor è diventata un’icona per il movimento Black Lives Matter.

In origine, solo uno degli agenti coinvolti è stato incriminato. Brett Hankson è stato assolto a marzo, con grande dispiacere degli attivisti antirazzisti. Ma la magistratura federale ha condotto un’indagine in parallelo. Sta facendo nuovamente causa a Hankson per uso eccessivo della forza. Ora tre suoi colleghi sono accusati di aver mentito sul mandato di perquisizione.

“I sospettati hanno appreso che il mandato d’arresto conteneva informazioni false e fuorvianti e che altre informazioni erano state cancellate”, ha detto il procuratore generale Merrick Garland in una conferenza stampa. “Sapevano che questo avrebbe potuto creare una situazione pericolosa. Affermiamo che queste azioni illegali hanno portato alla morte di Briona Taylor”.

Il procuratore degli Stati Uniti Merrick Garland. © AP

Il 13 marzo 2020, gli agenti di polizia di Louisville hanno fatto irruzione nella casa di Breonna Taylor nel cuore della notte. Lo hanno fatto in un’indagine sulla droga contro il suo ex fidanzato. Il suo nuovo ragazzo, Kenneth Walker, pensava che fossero ladri e ha sparato un colpo con una pistola legale. La polizia ha risposto al fuoco e Briona Taylor è stata colpita da circa 20 colpi.

La morte di Taylor non ha attirato molta attenzione all’inizio. Ma è diventato famoso con l’ondata di proteste contro la brutalità e il razzismo della polizia negli Stati Uniti dopo la morte di George Floyd. Si trattava di un uomo di colore di 40 anni, soffocato da un agente di polizia bianco a Minneapolis il 25 maggio 2020.

Tamika Palmer, madre di Briona Taylor, abbraccia un manifestante a Louisville, nel Kentucky, dopo che è arrivata la notizia che quattro agenti erano stati accusati.

Tamika Palmer, madre di Briona Taylor, abbraccia un manifestante a Louisville, nel Kentucky, dopo che è arrivata la notizia che quattro agenti erano stati accusati. © Reuters

Un memoriale a Louisville, Kentucky, a Briona Taylor.

Un memoriale a Louisville, Kentucky, a Briona Taylor. © Reuters

READ  Secondo il Pentagono, i soldati russi stanno affrontando carenze alimentari e atti di vandalismo sui veicoli