QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quello che sappiamo sulla malattia polmonare da Covid

Stanchezza, mancanza di respiro, dolori muscolari, difficoltà di concentrazione, disturbi del sonno, perdita dell’olfatto e del gusto o preoccupazioni persistenti. Alcune persone che hanno contratto il coronavirus hanno ancora disturbi residui persistenti, chiamati covid polmonare (a lungo termine). È noto da tempo che le persone sono a rischio di queste conseguenze, ma ora che le infezioni nei Paesi Bassi sono aumentate bruscamente dopo il lancio di gran parte delle misure Corona, la domanda è se il Covid polmonare diventerà un grosso problema. Un problema di salute pubblica.

“Queste sono preoccupazioni giustificate”, afferma il virologo Mino de Jong di Amsterdam UMC, che è anche membro del team di gestione delle epidemie (OMT) che consiglia il governo. “Ma non conosciamo ancora le dimensioni esatte e l’impatto della malattia polmonare da Covid o quale sarà”, aggiunge.

Negli ultimi mesi, sono stati pubblicati studi scientifici su studi con numeri allarmanti sulla frequenza con cui si verifica il COVID-19. Lui lei Le stime del British Statistics Office ad aprile che a quel tempo c’erano 1,1 milioni di persone infette da COVID-19 nel Regno Unito; Oltre il 13% dei britannici colpiti aveva ancora lamentele dopo tre mesi.

Sorprendentemente, alcune persone con malattia polmonare da Covid non erano inizialmente gravemente malate a causa dell’infezione. a partire dal Indagine Il team di Mino de Jong ad Amsterdam ha mostrato che dopo una lieve infezione da corona, un terzo dei partecipanti aveva ancora sintomi dopo tre mesi; Sei mesi dopo era ancora uno su cinque e un anno dopo era uno su sei.

La ricerca sui polmoni dello pneumologo Joachim Aerts dell’Erasmus MC di Rotterdam conferma le conclusioni di Amsterdam: “Lo vediamo già accadere anche in persone ancora relativamente giovani, sotto i 50 anni”, afferma Aerts. “E anche nelle persone che non sono state ricoverate”. Poiché i risultati non sono ancora stati pubblicati, Aertes non desidera fornire ulteriori commenti.

READ  Non sottovalutare l'aborto Contatto medico

Raccolta di prove

Nel frattempo, studi stranieri hanno fornito numeri più alti sul rischio di contrarre il coronavirus. un Studio norvegese, alla fine del mese scorso in medicina della naturaI rapporti indicano che la metà dei giovani di 16-30 anni che hanno contratto il COVID-19 aveva ancora lamentele dopo sei mesi. Uno studio italiano di recente pubblicazione L’ospedale di Udine ha riferito che una media del 40% dei pazienti Covid aveva ancora sintomi persistenti dopo sei mesi.

Quanto è grande il problema? Uno studio scientifico sul COVID-19 polmonare, sebbene ben progettato, non fornirà una risposta definitiva, afferma l’epidemiologo Arvan Ikram dell’Erasmus MC di Rotterdam. Non fa personalmente alcuna ricerca in quest’area, ma trova interessante vedere come è possibile raccogliere le prove migliori in questa situazione. “La ricerca perfetta non può essere fatta”, osserva Ikram. “In esso, devi infettare intenzionalmente le persone con SARS-CoV-2 e sapere quale percentuale sostiene i reclami a lungo termine. Ma questo non è etico e quindi impossibile. Ecco perché ci affidiamo a studi osservazionali, che possono rispondere Alcune domande dipendono da il design, ma hanno tutti i loro limiti. Quindi quello che devi fare è prendere tutte le prove da quegli studi insieme e cercare di formare un’immagine di consenso”.

Gli studi condotti fino ad oggi sul polmone presentano dei limiti che impediscono di trarre conclusioni chiare. Di solito non esiste un gruppo di controllo, il numero di pazienti esaminati è piccolo, i soggetti stessi sono valutati o l’inventario dei reclami si basa su auto-segnalazioni.

Archivio reclami

Ma il problema più grande è che la malattia polmonare da Covid rimane una condizione mal definita. “È un archivio di lamentele”, afferma Mino de Jong. Quindi la domanda è: cosa è considerato un sintomo della malattia polmonare da Covid? Lo studio di Amsterdam ha utilizzato un elenco di diciotto presentazioni, una delle quali era già classificata nel gruppo delle malattie polmonari Covid. Lo studio norvegese aveva un elenco di tredici presentazioni.

READ  Vaccinazione Corona a Van der Pigalle a Coulomb

In quasi tutti gli studi, la stanchezza viene spesso segnalata come un disturbo cronico dopo il COVID-19. Ma la stanchezza è una lamentela abbastanza comune, che può derivare anche dallo stress del lavoro, dall’isolamento sociale dei blocchi imposti, dalla perdita del lavoro o persino dallo stress dei test per il coronavirus. Quindi deve essere corretto.

Leggi anche: covid senza fine

Ci sono anche differenze significative nella gravità e nel tipo di disturbi tra i pazienti con COVID-19 polmonare. “Secondo me non si può quindi parlare di una sindrome post-coronavirus consistente, e potrebbe trattarsi di un insieme di sindromi diverse. In una i sintomi sono simili a quelli che vediamo nell’infiammazione cronica, nell’altra sembra più come il disturbo da stress post-traumatico”, afferma de Jong.

Ikram argomenta in modo più chiaro: “Ad esempio, se si rende più rigorosa la definizione di malattia polmonare da Covid, coinvolgerà un numero molto inferiore di pazienti. Ciò potrebbe fornire maggiore chiarezza sui sintomi, ma potrebbe escludere erroneamente alcuni pazienti. Ora siamo a che fare con molte variabili. A tutti i tipi di livelli diversi che rendono le conclusioni sulla gravità e sulla scala molto incerte”.

Non è ancora chiaro cosa causi esattamente queste lamentele. “Molti medici vedono somiglianze con malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide, ma non è chiaro se questa spiegazione copra l’intero quadro”, afferma de Jong. “Noi stessi stiamo attualmente valutando se il virus possa rimanere nell’organismo in alcuni pazienti per un periodo più lungo e quindi mantenere la risposta infiammatoria, anche se non sono più contagiosi per altri per lungo tempo. Forse in questi casi un trattamento appropriato può essere somministrato, ad esempio con antinfiammatori”.

READ  Il programma di ricerca sui reclami delle donne è iniziato con il silicone

A volte il recupero richiede molto tempo

De Jong vede ancora come un aneddoto il fatto che la vaccinazione avrà un effetto benefico sul COVID-19: “Ci sono già storie che circolano su persone che improvvisamente non hanno più lamentele dopo l’iniezione, ma non si sente parlare di persone che hanno ‘t.”

La buona notizia, secondo De Jong, è che il virus polmonare alla fine si riprende da solo nella maggior parte delle persone. Anche se a volte questo è accompagnato da periodi di ricaduta e ci sono anche persone che ne soffrono dalla primavera del 2020.

Ma soprattutto ora che il numero dei contagi in Olanda è di nuovo in forte aumento, de Jong avverte che il problema non è da sottovalutare: “Il Corona di solito fa ammalare i giovani così gravemente da finire in ospedale, ma con lievi ferite poiché bene. Pericoloso per il Lung Covid.” Stanno ancora giocando brutti scherzi? A causa dei grandi numeri, questo può portare ad un aumento del numero di medici e fisioterapisti. Può anche danneggiare l’economia, perché impedisce ad alcune persone di studiare o lavorare per mesi”.