QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Questa è la vita di un atleta’



Stress Mondiali per l'Italia campione d'Europa: 'Questa è vita da atleta'


© ProShots
Stress Mondiali per l’Italia campione d’Europa: ‘Questa è vita da atleta’

I campioni d’Europa non hanno ancora confermato la loro partecipazione ai Mondiali in Qatar. L’Italia non è riuscita a battere la propria squadra nel turno di qualificazione e ora si sta preparando per gli spareggi, chiamando la guerra del Titanic con il Portogallo. Roberto Mancini non ha previsto un’opzione chiara.

Il Portogallo affronterà la Turchia e l’Italia affronterà la Macedonia settentrionale in una partita di spareggio giovedì. I vincitori di questi duelli si sfideranno nella finale di Coppa del Mondo domenica prossima. Vincere l’Europeo la scorsa estate ha dimostrato che l’Italia può raggiungere l’apice in modo tempestivo e Mancini ha dato speranza ai giocatori che hanno reso possibile questa vittoria.

“Non abbiamo molto tempo per prepararci”, ha detto Mancini mercoledì in conferenza stampa. “I ragazzi hanno dovuto fare molta strada e hanno già giocato molte partite in questa stagione. In effetti, abbiamo potuto allenarci solo mezza giornata in questioni tattiche. Ecco perché scelgo giocatori che hanno vinto l’Europeo la scorsa estate. Loro si conoscono bene e sanno cosa fare questa settimana. . ‘

È doloroso che la squadra italiana sia passata agli spareggi. “Ma questa è la vita di un atleta. Gestisci gli alti e bassi”, ha detto Mancini. “Tutti vogliono solo sperimentare il successo, ma non funzionerà in questo modo. Dobbiamo concentrarci sui compiti per questa settimana.

Secondo Mancini, quale squadra è la favorita per raggiungere il Mondiale? ‘Non vedo il preferito. Tutti partono da zero e ogni partita va giocata”, ha detto cauto il tecnico della nazionale italiana. Non vuole pensare alla finale. ‘Dovrebbe’ dire.

READ  L'Italia inasprisce le operazioni corona e introduce il corona pass per la tavola di ristoranti e bar: cosa cambierà, perché?