QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Queste otto donne escono orgogliosamente senza parrucca. “Non voglio pietà.” | Nina

L’attrice musicale Anne van den Broeck, 46 anni, che sta combattendo contro il cancro al seno, ha condiviso i suoi auguri di Capodanno su Instagram. Inoltre, ha pubblicato una foto in cui può essere vista per la prima volta senza cappello, cappello o parrucca. Anche queste otto donne scelgono di fare lo stesso: senza vergognarsi, ci mostrano le loro foto e ci raccontano la loro malattia. “Non voglio nascondermi. Dobbiamo onorare quella testa calva.”

Margot Tilburgs (61 anni) di Essen: “Indosserò una parrucca per gli altri, non per me stessa”

© rv

“Dopo solo un ciclo di chemio, i miei capelli stavano cadendo in nodi. “No…”, ho pensato, “… non ancora?” Non sapevo che sarebbe stata una tale situazione di stallo. Sto combattendo il cancro al colon e il il tasso di guarigione è del trenta percento. Ma sono positivo E penso che sia molto importante per tutti avere il coraggio di essere se stessi. Non voglio indossare una parrucca. Semplicemente non si adatta a chi sono. Sono andato al negozio a prendere le sciarpe subito dopo la mia diagnosi. Sei mesi dopo, sono ancora nello stesso posto: nell’armadio il mio”.

“Una sciarpa o una parrucca lascia un segno e la indosserei solo agli altri, non a me stesso. La prognosi è già abbastanza negativa, perché dovrei fare qualcosa contro la mia volontà? Indosso un berretto quando fa freddo, ovviamente. E il reazioni? È tutto positivo”.

Famke Lily Spruyt (40) di Laarne: “Non sei sola”

camper

© rv

“Quando ho visto la foto di Anne, ho sentito che non ero solo. È bello. Ecco perché voglio anche collaborare, per dare il mio cuore ai miei compagni di sventura. Soprattutto per mostrare la vita così com’è, senza fare il ruolo vittima. La caduta dei capelli è difficile. I miei capelli erano folti e molto lunghi, ma non mi vergogno di mostrarmi calvo.”

“Quando ho condiviso la mia storia su Facebook, molte persone hanno detto che pensavano che fosse coraggio e che erano in grado di ottenere qualcosa da esso. Ad esempio, anche un’amica si è fatta controllare per il cancro al seno. Mi piace. E se qualcuno è riluttante a uscire allo scoperto con la testa calva: lo faccio. “Cosa ti fa sentire bene. Non sei solo. Andiamo a connetterci.”

Ine Lefevere (34) di Kruisem: “La parrucca mi fa star male”

camper

© rv

“Le persone dovrebbero sapere che sono malato. Aiuta, perché poi ti capiscono meglio. Questo è anche il motivo per cui non indosso una parrucca. Ne ho comprata una, perché il mio ambiente se lo aspettava. Quando l’ho indossata, mi sono sentita male. Il mio il viso era più rotondo dopo il trattamento e la parrucca lo metteva in risalto. . Ci si sente al sicuro.”

“Nel frattempo sono guarita dal cancro, ma sto ancora combattendo una feroce battaglia mentale. Sto davvero lottando con il fatto che ho perso il seno e non sono più quella di una volta. Ho anche Voglio condividere questo lato minore della storia, in modo che la gente sappia che il cancro è più causato dalla chemioterapia e che stai perdendo i capelli”.

Wendy Feys (35) di Assebroek: “Non voglio uno sguardo patetico”

camper

© rv

“Nel frattempo ce l’ho di nuovo. Questa settimana vado per la prima volta dal parrucchiere per un nuovo taglio di capelli. (raggi) Prima di allora, non avevo problemi a mostrarmi in pubblico senza parrucca. Stranamente, ho ricevuto innumerevoli complimenti. Tuttavia, essere calvo ti fa sembrare malato e non volevo sembrare patetico perché sentivo la forza in te. Come una leonessa che presto si riprenderà per il suo leone e il suo cucciolo.

“Durante il mio periodo di calvizie ho sentito parlare di una donna a cui non è stato permesso di togliere la parrucca di suo marito perché non poteva gestirla. Mi ha reso così triste. La tua immagine di sé è così influenzata e poi non hai nemmeno il supporto del tuo partner? Non riesco a farcela. Il mio partner mi ha sempre fatto sentire più bella. Il suo supporto mi ha fatto brillare e onestamente mi ha reso più bella. Ecco perché è così importante rompere questo tabù. “

Brigitte van Gensten (63) di Tessenderlo: “Va bene guardare un parrucchiere che mi fa la barba”

camper

© rv

“Dopo il primo ciclo di chemio, ho preso l’iniziativa di radermi i capelli tutto in una volta dal parrucchiere. Mi ha chiesto se volevo rannicchiarmi per non dovermi guardare allo specchio. Ho detto: ‘No tu, vai avanti!’ Per molte donne, questo è un passaggio molto difficile. E lo capisco. Ma non ha fatto molto per me. Ho scoperto che la perdita delle mie ciglia stava peggiorando.”

Tuttavia, penso che molte donne traggano beneficio da questa immagine. Spesso ti vergogni della tua testa calva, ma in realtà la gente la trova molto bella. Anche mio nipote di sei anni non ha avuto problemi con essa. Se indosso una parrucca, mi chiede “Nonna, sei guarita? L’ho riportata indietro!” (Ridere) Intanto ho i ricci, più di prima, e anche per quello mi fa i complimenti».

Ferrell Straffen, 50 anni, di Newerkirk: “Ricevo cenni di incoraggiamento per strada”

camper

© rv

“Penso che l’immagine di Anne van den Broeck sia molto intelligente. La caduta dei capelli è una cosa molto speciale da sperimentare, soprattutto se hai una folta chioma di ricci come me. Ero molto malata prima di perdere i capelli, ma nel momento in cui perdi “Tutti vedono che c’è qualcosa che non va. Sembra che molte persone lo stiano sperimentando. Penso che alcune persone provino una strana sensazione quando vedono una donna con la testa calva”.

“Altri mi fanno un cenno incoraggiante per strada quando mi vedono senza parrucca, e mi dà così tanta energia. Ogni tanto un bambino pazzo guarda nella mia testa calva. Poi senti i genitori dire: ‘Non sembra così”. Poi ho detto a quel ragazzo che stavo facendo delle iniezioni che mi facevano cadere i capelli. “Sono solo onesto, per rompere i tabù. Sono ancora in cura, ma sono molto resistente. Faccio progetti, escogito la mia storia e non mi arrendo. Ad altri piace, noto. Anche alle persone che non sono malate”.

Caro Depoorter (43) di Wommelgem: “L’abbiamo reso un momento di famiglia”

camper

© rv

“Non ha avuto molto valore per me da quando mi ha visto. Se sei sano, i capelli sono così importanti. Ti piace farti bella. Se ti ammali, hai altri gatti da schiacciare. La mia bambina di 9 anni mia figlia era così triste e piangeva. Volevo godermi qualcosa”. Mamma, le è stato permesso di tagliarmi i capelli. Mio marito mi ha rasato i capelli con il rasoio dopo aver “giocato con il parrucchiere”. Nostro figlio ha fatto delle foto dopo. Così abbiamo fatto “È un caldo momento familiare. Sono ancora stupito di quanto sia calvo il suo tabù. Quando sei ingessato, nessuno è sorpreso. Quando perdi i capelli, improvvisamente diventano una cosa.”

Valerie Marchand (41) di Ostkamp: “La prima volta senza cappello, ho pianto di felicità”

camper

© rv

“Ho sempre una strana sensazione quando mi copro la testa. Non è giusto nascondermi. Non dovrei vergognarmi, dovremmo rispettare quella testa calva. Dovrei essere orgoglioso e orgoglioso di avere la possibilità di sconfiggere il cancro. Ma la società non sembra pronta per questo. Spero che la scena di strada cambi se più donne mostrassero le loro teste calve”.

“A giugno sono andato a vedere uno spettacolo di kummel vu. Faceva molto caldo lì, quindi mi sono tolto il cappello per la prima volta, sulla piattaforma superiore. Mi sono sentito liberato! Ho pianto molto lì. Ho guardato da quella piattaforma alta al cantante che è anche calvo e ha pensato: qual è la differenza tra la mia testa calva? Percezione – percezione.”

Leggi anche:

“I nostri seni non saranno mai più gli stessi”. 3 donne “normali” disegnano un nuovo outfit con il nastro rosa

colloquio. Evie Hansen è sincera su sua madre, che ha il cancro. “Niente indica che stia per morire.” (+)

Una novità per HEMA: il primo reggiseno progettato specificamente per i malati di cancro

READ  Anche il matrimonio di Lil' Kleine e Jaimie Vaes è stato annullato quest'anno | spettacolo