QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Questi esopianeti sono fatti principalmente di acqua?

Gli astronomi canadesi ritengono di aver trovato prove che due esopianeti attorno a una stella nana rossa siano composti principalmente da acqua.

L’acqua è il primo ingrediente per la vita così come la conosciamo qui sulla Terra. Pertanto, gli scienziati stanno diligentemente cercando nell’universo prove dell’acqua sugli esopianeti. Ora gli astronomi dell’Università di Montreal hanno trovato due possibili pianeti acquatici, scrivono astronomia naturale. Tuttavia, sono ancora attenti, perché l’acqua non è stata misurata direttamente.

Leggi anche:

Pianeti d’acqua

Questi sono Kepler-138c e Kepler-138d che orbitano attorno a una stella nana rossa, a 218 anni luce (più di 2 quadrilioni di chilometri) dalla Terra nella costellazione di Lier. Nella sua ricerca, il team ha utilizzato osservazioni distrutte da Hubble e 2020 Telescopio spaziale Spitzer È stato realizzato.

Gli astronomi hanno scoperto che entrambi i pianeti sono più di tre volte più grandi della Terra. Di solito chiamiamo questi pianeti super-Terre e sono composti da metallo e roccia. Ma Kepler-138c e -138d hanno il doppio della massa della pallina blu. Ciò significa che la densità degli esopianeti è molto inferiore a quella della Terra.

Quindi il team di Montreal ritiene che gran parte del suo volume debba essere costituito da materiali più leggeri della roccia, ma più pesanti dell’idrogeno o dell’elio (gli elementi che compongono i giganti gassosi come Giove). Quindi l’acqua rimane il filtro più adatto.

Una sezione della Terra (a sinistra) e l’esopianeta Kepler-138d. Come la Terra, l’esopianeta è fatto di minerali e rocce (parte marrone), ma anche Kepler-138d ha uno spesso strato d’acqua (blu).

effetto serra estremo

“Questo è il modo migliore per spiegare le osservazioni”, afferma l’astronomo Tim Lichtenberg dell’Università di Groningen. “La scoperta si adatta anche a una serie di recenti pubblicazioni che evidenziano la natura volatile di molte ‘super-Terre'”. Così sono andati gli astronomi all’inizio di quest’anno sulla rivista scientifica Scienze Stesso risultato per un certo numero di altri pianeti acquatici.

READ  XPG GAMMIX S70 Blade 1TB PS5 SSD Upgrade per soli $ 129,99 (incluso il dissipatore di calore)

“Per molti di questi mondi, la domanda è se assomigliano a come li descrivono gli autori”, afferma Lichtenberg. “Se le atmosfere di questi pianeti sono troppo umide, è probabile che i mondi acquosi subiscano un riscaldamento globale fuori controllo”. La temperatura sui pianeti esterni è superiore al punto di ebollizione dell’acqua, quindi sono avvolti da una densa atmosfera di vapore.

Di conseguenza, il riscaldamento aumenterà in misura molto maggiore di quello che la Terra sta vivendo ora. Questo scioglierebbe l’intero pianeta. Pertanto, il mio attuale sospetto è che molti dei mondi che attualmente troviamo con interni ricchi d’acqua siano in realtà lava fusa mista ad acqua.” Questo può essere verificato con il James Webb Space Telescope e realizzando modelli dettagliati di nuclei planetari, mantelli e atmosfere .

Durante la loro ricerca, gli astronomi hanno anche trovato prove di un quarto pianeta, chiamato Kepler-138e.

Fonti: astronomia naturaleE il Università di Montréal Attraverso Eurek Alert!

Foto: STSCI