QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Questi sono i principali punti critici sul fronte ucraino

La battaglia di Solidar e Bashmut e molti attacchi russi con droni e missili attirano tutta l’attenzione. Ma ci sono battaglie ogni giorno altrove nell’est e nel sud dell’Ucraina. Una panoramica degli incendi più importanti lungo il fronte.

Stefano Ramdario

1. La battaglia di Luhansk: lungo la linea Svatov-Krymina

Dopo undici mesi di guerra e molte battute d’arresto, la cattura del Donbass rimane il principale obiettivo militare russo. Ma dopo più di 100.000 morti e feriti e la mobilitazione di altre 300.000 truppe, una dichiarazione di vittoria nel Donbass, formato dalle repubbliche separatiste di Luhansk e Donetsk, sembra più lontana che mai.

In effetti, l’esercito ucraino è all’offensiva a Luhansk. Gli ucraini hanno ottenuto guadagni significativi a settembre nella vicina regione di Kharkiv. L’esercito russo è fuggito ed è tornato al confine. Furono presi posti così importanti come Izhum e Lyman. Da allora, gli ucraini hanno cercato di avanzare ulteriormente e conquistare territori, soprattutto a est. Hanno messo gli occhi sulle terre vicine nella regione di Luhansk.

Luhansk cadde completamente in mano ai russi in estate, dopo la caduta delle città di Severodonetsk e Lysichansk. Ma nel nord, gli ucraini hanno cercato da ottobre di riconquistare le aree in cui i russi potrebbero essere vulnerabili. Da allora i due eserciti si sono impegnati in battaglie quotidiane lungo la linea Svatov-Krymina. La lotta è dura. L’esercito ucraino continua ad attaccare regolarmente ma non è ancora in grado di compiere una svolta.

Soldati ucraini che sparano contro le forze russe vicino a Krymina.foto Reuters

Al contrario, i russi mantengono la loro posizione, ma non riescono a espellere gli ucraini. Negli ultimi giorni sono giunte segnalazioni secondo cui reparti ucraini stanno avanzando sempre più verso Kreminna, cittadina di circa 18mila abitanti. Secondo gli ucraini, i russi stanno schierando qui soldati sempre più esperti, invece di ammassare soldati, per impedire la caduta di Kremina.

Se l’esercito ucraino riesce a penetrare le difese russe tra Svatove e Kreminna, potrebbe portare la battaglia più vicino alla capitale regionale, Luhansk. Il generale di brigata ucraino Oleksiy Gromov ha recentemente affermato che “una parte significativa del 2 ° corpo d’armata russo, in particolare i soldati mobilitati, si arrenderà”. Ma non è ancora lontano.

La ferocia dei combattimenti è apparsa anche questa settimana in un video che i combattenti del Wagner Mercenary Group avrebbero pubblicato su Telegram. Mostra come in una foresta vicino a Kremina, dove si sentono costantemente spari, due soldati ucraini si rannicchiano nella loro trincea. All’improvviso, dietro di loro compaiono dei russi, forse i soldati di Wagner. I due si sono rifiutati di consegnare le armi, dopodiché sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco. Poi i russi cercano di nascondersi dietro gli alberi, ma la sparatoria nel bosco non finisce mai.

conclusione: Nonostante i rinforzi dalla regione di Kherson e il dispiegamento di soldati di leva, la Russia non è in grado di risolvere la guerra a Luhansk. Dopo una significativa perdita di territorio in estate, l’Ucraina è riuscita a rendere nuovamente la regione oggetto di battaglia.

2. La battaglia di Donetsk: la lotta per Bashmut e Solidar

Gli ucraini stanno cercando con tutte le loro forze di sfondare la regione occupata di Luhansk tra Svatov e Krymina, a Pashmoyet e Solidar i russi stanno cercando di ottenere territorio nell’altra regione del Donbass: Donetsk. Dopo aver catturato tutta Luhansk in estate, l’esercito russo sperava di andare avanti rapidamente per catturare anche tutta Donetsk. Questa regione ora rimane per metà nelle mani degli ucraini, con grande sgomento del Cremlino.

Guidati dall’esercito mercenario di Wagner, i russi puntarono gli occhi su Bashmut. L’idea era che Pashmut, che aveva una popolazione di circa 70.000 abitanti prima dell’invasione, potesse servire da trampolino di lancio per l’occupazione di gran parte di Donetsk dopo la conquista.

In particolare, si avvicina la cattura di città importanti come Slovjansk e Kramatorsk. L’occupazione di Solidar avrebbe dovuto aiutare a circondare Bashmut. Ma la conquista di entrambe le città si trasformò in un inferno.

Nonostante mesi di bombardamenti e la perdita di molti soldati, la caduta di Bashmoyet non era neanche lontanamente vicina. Wagner ha dichiarato la sua vittoria a Solidar la scorsa settimana. Venerdì, l’esercito ucraino sembrava già sconfitto qui.

Anche le frazioni ei villaggi intorno a Solidar combattono da mesi. La difficile battaglia in questa parte del Donbass ha dimostrato ancora una volta che le unità russe, sia dell’esercito regolare che di Wagner, tremavano da tutte le parti. La strategia e il morale delle truppe lasciavano ancora molto a desiderare.

Per i russi, combattere per il loro pashmoh divenne una battaglia per il prestigio. La conquista dovrebbe regalare a Mosca la vittoria nel Donbass che il Cremlino brama da mesi. Gli ucraini, a loro volta, non potevano permettersi di perdere la città. Una perdita solleverebbe solo interrogativi tra gli alleati militari sul fatto che Kiev, dopo tutti quei miliardi di sostegno militare, sarebbe in grado di resistere e persino sconfiggere i russi.

Ponte distrutto a Bashmoet.  foto dell'AFP

Ponte distrutto a Bashmoet.foto dell’AFP

Ma anche se i russi prendessero Bach con l’aiuto dell’esercito di mercenari di Wagner, resta da vedere se riuscissero facilmente a conquistare le altre città della regione di Donetsk. Perché se l’esercito lotta così tanto per catturare il piccolo Bashmut, quanto tempo ci vorrà per conquistare città più grandi come Kramatorsk?

E l’Istituto militare statunitense per lo studio della guerra, che segue da vicino la guerra, ritiene che la sanguinosa battaglia per Bashmuyt continuerà per un po ‘. L’istituto ha detto sull’assedio russo di Bashmut: “Il declino della potenza di combattimento e l’esaurimento delle forze russe impediranno a questi attacchi di ottenere risultati importanti dal punto di vista operativo”.

Nel sud, vicino ad Avdiivka e al capoluogo di provincia Donetsk, anche i russi sono da tempo all’offensiva. Sostengono di aver compiuto progressi di recente, ma finora una profonda incursione nel territorio ucraino è fallita.

conclusione: La completa cattura della regione di Donetsk è più lontana che mai dall’esercito russo. I russi hanno sacrificato una grande quantità di forza lavoro e potere militare nella battaglia per due luoghi piuttosto insignificanti, ma non li ha portati più vicini a una vittoria strategica a Donetsk.

3. Il fronte meridionale

Il motto dei russi nel sud dalla caduta di Kherson è stato: Mantieni la posizione e impedisci agli ucraini di avanzare verso sud (Crimea) e verso est (Melitopoli).

La difesa russa finora sta reggendo. L’esercito ucraino rimane a Kherson, sulla riva occidentale del fiume Dnipro. Dalla sponda orientale i russi, rafforzando le loro posizioni, bombardano regolarmente la città con artiglieria e missili. Ma sembra che questi attacchi avvertano principalmente l’esercito ucraino di una nuova offensiva.

L’esercito russo non può resistere a un altro attacco degli ucraini nel sud, perché l’area è importante per rifornire le unità nel Donbass. Questo accade principalmente dalla Crimea. Il settore meridionale viene utilizzato anche per il trasporto di attrezzature militari danneggiate per la riparazione in Russia.

Una casa a Kherson ha preso fuoco a causa dei bombardamenti russi.  foto di A.P

Una casa a Kherson ha preso fuoco a causa dei bombardamenti russi.foto di A.P

Dopo la caduta di Kherson e dell’area circostante, la regione è diventata più vulnerabile agli attacchi ucraini con il sistema missilistico americano Himars. Poiché i missili Himar hanno una gittata di circa 90 chilometri, i russi sono stati costretti a spostare le loro basi logistiche più in profondità nella regione. A loro volta, le unità di artiglieria russe, oltre a Kherson, hanno bombardato le posizioni ucraine nelle regioni di Zaporizhia e Mykolaiv.

Una nuova offensiva russa per riconquistare Kherson è improbabile nei prossimi mesi. L’esercito ucraino ha una presa salda su Kherson e l’area circostante. Il Dnipro è anche un grosso ostacolo per i russi per lanciare un contrattacco riuscito: gli ucraini erano riusciti a rendere la città inaccessibile al nemico eliminando tutti i collegamenti importanti attraverso il fiume.

conclusione: La regione meridionale è stata un’area problematica per i russi sin dal primo giorno dell’invasione. Sebbene Kherson sia stata rapidamente catturata, il premio principale, la città portuale di Odessa, si è rivelata inaccessibile ai russi. Questo è ancora vero. Mosca deve ora temere che l’esercito ucraino sfrutti la riuscita offensiva di Kherson per attraversare il fiume Dnipro. La minaccia alla Crimea sarebbe un incubo per il Cremlino.