QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Questo è il motivo per cui un pisolino ti rende più creativo

Questo è il motivo per cui un pisolino ti rende più creativo

Stile di vita16 giugno 24 12:33autore: Mark Van Harveld

I ricercatori dell’Università francese della Sorbona hanno confermato che un pisolino rende più creativi. “I ricercatori hanno imitato l’esperimento di Edison”, afferma Louis van Langen nel podcast BNR Science Today. Van Langen ricorda quello che faceva sempre l’inventore delle lampadine Thomas Edison: andare a dormire con qualcosa in mano che cadeva durante il passaggio dal sonno leggero a quello profondo, interrompendo il pisolino.

Si dice che Edison credesse che il sonno fosse una perdita di tempo, e dormendo con l’oggetto in mano, non solo evitò che il pisolino si trasformasse in un lungo sonno, ma disse anche che lo rendesse più creativo. I ricercatori della Sorbona hanno simulato l’esperimento con soggetti di prova e hanno chiesto loro di risolvere una complessa serie di numeri contenente una soluzione molto più rapida e segretamente nascosta al problema. Le persone che hanno scoperto questo percorso più veloce avevano chiaramente un’ispirazione creativa.

Più creativo

Risulta che tra i soggetti del test che non hanno dormito, il 31% ha inventato una soluzione innovativa/hack per risolvere le serie di numeri, tra i soggetti che sono caduti in un sonno profondo, questo è stato il 14%, e dei soggetti del test che sono caduti in un sonno profondo, questo è stato il 14%. nei soggetti che hanno fatto un pisolino questa percentuale era ancora maggiore rispetto all’80%. I sonnellini intermittenti prima del sonno profondo iniziano a renderti più creativo, ma come?

La scienza oggi | Anche un paio di notti di sonno scarso possono farti sentire vecchio

READ  Lo studio britannico conferma: il vaccino HPV riduce il rischio di parto...

Operazioni di memoria

Secondo il ricercatore del sonno Sebastian Overeem dell’Università di Tecnologia di Eindhoven, durante il sonno vengono utilizzati i processi di memoria, le esperienze vengono elaborate e la memoria determina cosa conserverai più a lungo e cosa no. “Questo è l’inizio della creatività.” Il secondo aspetto è che quando si dorme si perde il controllo della coscienza, il che mette il cervello “in uno stato in cui può svolgere liberamente il proprio lavoro”.

Le transizioni tra veglia, sonno leggero e sonno profondo non sono difficili, ma esiste una sorta di zona crepuscolare, uno stato ipnotico. In questo caso rimane attiva una funzione: la valutazione individuale delle idee e dei pensieri, che è il terzo fattore importante per aumentare la creatività. I sogni che in parte già abbiamo in questo caso giocano un ruolo importante: è nei sogni che le nuove idee vengono valutate più apertamente.

La scienza oggi | È stato scoperto un legame tra guardare a lungo la televisione e alzarsi più spesso dal letto per urinare

Sono stati scavati i blocchi di costruzione

“In questo stato ipnotico nel nostro cervello avvengono tutti i tipi di processi che stimolano il pensiero creativo. Abbiamo già incontrato problemi nella nostra vita e alla fine li abbiamo risolti. Ciò accade inconsciamente, ma questi esperimenti aiutano il tuo cervello a gestire meglio un nuovo problema.

“Chi dorme perde il controllo della propria coscienza, mettendo il cervello in uno stato in cui può svolgere il suo lavoro liberamente”.

Sebastian Overeem, ricercatore del sonno

Una ricerca condotta dalla NASA sul comportamento del sonno dei piloti ha mostrato che le persone erano più vigili per più di due ore dopo un pisolino di 25 minuti rispetto a quando non avevano fatto un pisolino. Sebbene la durata dello stato di sonno tra il sonno leggero e il sonno profondo possa variare da persona a persona, un pisolino ideale non dura più di 20-25 minuti. Vuoi dormire più a lungo? Allora rischi di svegliarti meno vigile, arrabbiato e confuso.

I power nap hanno ormai guadagnato terreno tra sempre più aziende e organizzazioni: non solo aumentano la creatività, ma anche la prontezza, la capacità cognitiva e la produttività.