QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Questo è stato anche il Tour delle Fiandre: Bogey Energy Meter, Bahrain House e Van Roy Salute | Un giro delle Fiandre

Gli appassionati di ciclismo possono seguire il Giro delle Fiandre di ieri dal primo all’ultimo chilometro sui canali della Sporza. Ma durante quella maratona, qualcosa scivola attraverso la rete. In questa pagina raccogliamo alcuni fatti che potrebbero essere sfuggiti alla tua e alla nostra attenzione.

1. Misuratore di energia Tadej Pojakar

L’analogia è sapere, soprattutto in gara. Tuttavia, il 23enne Tadej Pojjakar non può finire il suo primo incontro nel Giro delle Fiandre oggi.

Lo sloveno, che oggi sta esplorando la tappa acciottolata del Tour, è caduto dopo circa 20 chilometri in un restringimento e ha perso il misuratore di potenza.

L’ex pilota e fotografo Leon van Bonn ha trovato un computer Pogacar e voleva consegnargli la cosa mancante (vedi video), ma lo sloveno era impegnato con altre cose ed è saltato in sella alla sua moto senza il gadget.

L’olandese aveva già contattato ieri il team Pojacar degli Emirati Arabi Uniti. Avevano già chiesto a Van Bonn di inviare il gioiello.

2. Oude Kwaremont è velocissimo

È anche un peccato per gli appassionati di ciclismo e i buongustai che Tadej Pogacar abbia perso il misuratore di potenza tra Anversa e Odenard.

A meno che non appaia un altro aereo di riserva, non sapremo mai le date esatte della sua tempestosa ascesa a Oude Kwaremont.

Alla seconda traversata del fiume Kwaremont, Pogacar andò su tutte le furie. Lo sloveno ha dovuto pedalare tra i diversi gruppi e frantumare pietre come se fosse una tariffa giornaliera.

Kasper Asgreen è rimasto fedele a questo e lo pagherà non molto tempo dopo, ma il danese ci dà un’indicazione di quanto possa essere potente lo sviluppo del potere di Pogacar.

Dopo 2,5 chilometri, Asgreen ha chiuso a 4’33”, buono per una media di 33,1 km/h. Stefan Kung, Matthew van der Poel e Tom Bidcock sono stati un po’ più lenti.

La top 9 Strava a Kwaremont viene ora conquistata dai piloti che ieri hanno domato la bestia.

Il record precedente, il numero 10 della nuova lista, era detenuto da Philip Gilbert. Durante il raid del 2017 si è fermato a 4’50”, 17 secondi più lento di Asgreen.

3. Il naso di Dylan Van Barley

Tadej Pogacar ha dimostrato che non è necessario essere un’enciclopedia per segnare nelle Fiandre, ma una piccola conoscenza del percorso può aiutarti a conquistare un posto sul podio.

Dylan van Baarle ha preso il secondo posto ieri e non un nuovo arrivato in “The Most Beautiful of Flanders”. Era 10° nel 2021, 8° nel 2020, 18° nel 2019, 12° nel 2018, 4° nel 2017 e 6° nel 2016.

Non a caso il gentile olandese naviga nella storia della gara: sa di dover anticipare e soprattutto sa dove farlo.

Adam Blyth, ex pilota e ora analista, ha notato che negli ultimi anni Van Parel ha sempre utilizzato la stessa parte del percorso per fare la sua mossa.

Riguarda la parte tra Paterberg e Koppenberg. Dopo che tutti hanno misurato il danno, fare rifornimento per un po’, si unisce ai ragazzi e gli altri topi scappano in piedi.

Van Baarle è uno di quei clienti abituali di Koppenberg che possono tuffarsi in finale con i campioni.

Se l’Anticipazione riparte nella versione successiva, i motociclisti sapranno quando impostare l’allarme.

4. La mano di Kenneth Van Roy

I ciclisti sono ragazzi amichevoli, ma se alzano le mani, chiedono aiuto al loro carrello di supporto il 99% delle volte. E così non salutano gli spettatori di lato. O la vediamo male, Kenneth Van Roy?

5. È così che Matthew van der Poel è salito al trono: vincendo frequenti sprint sprint

6. Villa vittoriosa in Bahrain

Con il sesto posto (Dylan Tunes), il settimo (Fred Wright) e il dodicesimo posto (Jan Tratnick) il Bahrain vittorioso è stato uno dei blocchi più forti della finale.

Il seme è stato probabilmente piantato a Zwevegem vicino a Kortrijk. La squadra si è accampata lì per un tour casalingo delle Fiandre.

Non c’è un’esperienza monotona in hotel nella hall, nelle camere o nel buffet, ma c’è una PlayStation, un gioco di calcio balilla e la possibilità di affinare lo spirito di squadra. Soprattutto: il rischio di diffusione del corona è più contenuto.

Il 38enne Heinrich Heussler ha avanzato la proposta, come ha detto Cyclingnews.comche ha visitato la villa.

I corridori sono stati accompagnati nella loro casa da parte del personale e la direzione e la direzione della squadra sono rimaste altrove. Più libertà, ma anche più responsabilità.

Haussler: “Ci hai uniti, ma ne hai anche imparato qualcosa. Ringrazia qualcuno, porta i tuoi piatti sporchi in lavastoviglie e tieni in ordine la casa. Sono valori fondamentali, ma sono cose che ti aiutano anche nel resto la tua vita.”

“Puoi anche riconoscere la persona dietro il tuo compagno di squadra. È più facile costruire una casa, è più difficile costruirne una. Questo si traduce nel nostro modo di correre”.

READ  Queen Nairt tra Kenya e Tokyo con fiducia: 'Questa è un'ottima regina' | le Olimpiadi