QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Questo piccolo punto nel cervello può mostrare un aumento del rischio di malattia di Alzheimer 30 anni fa

Venerdì 1 ottobre 2021 – 16:42 Aggiornamento: 10-01-2021 22:16

“locs coeruleus” o “nucleo blu”

È correlato al “locus coeruleus” o “nucleo blu”, nascosto in profondità nel tronco cerebrale (vedi freccia blu nell’immagine), e può essere visualizzato solo con apparecchiature avanzate di risonanza magnetica. Heidi Jacobs (Maastricht University/Harvard Medical School) ha dimostrato con l’aiuto della risonanza magnetica che la cosiddetta proteina tau inizia a diffondersi proprio in quella posizione blu, a volte già 30 anni prima che compaiano i primi sintomi dell’Alzheimer”, afferma Università di Maastricht.

Scienze della medicina traslazionale

Gli scienziati sospettano da tempo che la proteina tau svolga un ruolo fondamentale nello sviluppo della malattia. Le scoperte della Jacobs e del suo team sono state recentemente pubblicate sulla rivista scientifica Science Translational Medicine.

Tau Iwet

Molti ricercatori ritengono che la proteina amiloide sia la causa del morbo di Alzheimer. Ma anche un’altra proteina, la tau, si è rivelata molto importante. La tau forma un groviglio di proteine ​​dannose nelle cellule cerebrali delle persone con malattia di Alzheimer. Lo studio di Jacobs ora mostra per la prima volta che lo sviluppo di questa proteina sinaptica dannosa è legato ai cambiamenti nel nucleo blu del cervello.

declino accelerato della memoria

Inoltre, Jacobs è stato in grado di correlare l’accumulo della proteina tau nel locus blu e la degradazione accelerata della memoria. “Il locus blu è molto piccolo e quindi difficile da identificare nelle persone viventi”, spiega Jacobs.

Macchine per risonanza magnetica Ultrasterke

Abbiamo esaminato con successo questo nucleo per la prima volta utilizzando nuovi scanner MRI ad altissima potenza a Maastricht. Abbiamo condiviso questa conoscenza con la Harvard Medical School. Le scansioni MRI combinate con le scansioni PET per visualizzare la proteina tau in 174 persone sono state seguite in America per 10 anni. In questo modo, siamo stati in grado di dimostrare che i cambiamenti nel locus blu durante la giovinezza sono associati all’accumulo di proteina tau e ai problemi di memoria tipici della malattia di Alzheimer. Inoltre, i nostri risultati dimostrano che questi primi cambiamenti nel locus blu non fanno parte del normale invecchiamento, ma possono indicare lo sviluppo della malattia di Alzheimer.

READ  Gli anziani assistiti a casa vivono in media un anno in più rispetto a una casa di cura

fase iniziale

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza. Attualmente ci sono circa 300.000 persone che vivono con demenza nei Paesi Bassi. Si prevede che questo numero aumenterà nei prossimi anni a più di mezzo milione di persone entro il 2040. Non esiste ancora una cura per la demenza. Ma se viene rilevato un aumento del rischio di malattia di Alzheimer in una fase molto precoce, uno stile di vita sano può ridurre il rischio di sviluppare nuovamente la demenza.

Sonno, stress, emozioni e memoria

“Il locus blu svolge un ruolo importante nelle aree del sonno, dello stress, delle emozioni e della memoria”, afferma Jacobs. Per questo motivo e poiché questo nucleo è affetto da tau molto presto, le immagini MRI possono aiutare a identificare le persone a rischio di Alzheimer. In futuro, le misurazioni MRI del locus blu potrebbero fornire indizi su nuovi trattamenti che rallentano la progressione della malattia di Alzheimer.