QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quinn insoddisfatto del programma televisivo di Harry: “Pensavo che sarebbe stato sui veterani, non sui suoi panni sporchi” | Proprietà

ProprietàLa regina Elisabetta (95 anni) non è contenta di “The Me You Can’t See”, il nuovo programma televisivo del principe Harry e Oprah Winfrey. In esso, ha parlato dei suoi problemi mentali e “il problema della sua educazione”, in particolare il bersaglio di suo padre, Charles. “La regina ha accettato il programma, ma solo perché pensava che riguardasse la salute mentale dei veterani. Questa è una spiacevole sorpresa.”




Elizabeth ha assegnato a Harry la sua vittoria per iniziare il suo spettacolo Apple +, ma non sapeva che suo nipote avrebbe colto l’occasione per commentare di più sulla famiglia. “La regina e il principe Carlo sono caduti dal cielo quando hanno letto per la prima volta la copertura del programma”, ha detto un insider. Elizabeth aveva già concesso a Harry il permesso di partecipare allo spettacolo nel 2018, quando i rapporti tra i membri della famiglia reale erano migliori. Tuttavia, non ti saresti mai aspettato che facesse una cosa del genere. Adesso si sente ingannata. ”

Harry ha parlato dei suoi problemi mentali in The Me You Can’t See. “Mi sono buttato nell’alcol per dimenticare i miei problemi”. Afferma che questi problemi sono stati causati dalla sua infanzia. “Mio padre ci ha insegnato a non mostrare mai emozioni. Mi ha rinunciato solo quando avevo più bisogno di lui.”

La fonte ha detto: “Questo non è affatto in linea con l’idea che ha proposto a Elizabeth quando ha chiesto la sua approvazione”. “Questa è una questione di fiducia, e la questione della regina è già stata violata adesso.”

READ  L'ex Mole Elizabeth fa un annuncio importante ...

Leggi anche

Il principe Harry rivela problemi mentali nella serie di documentari: “Attacchi di panico e alcol eccessivo … la mia vita è stata un incubo”.

Un conflitto tra fratelli tra Harry e William si trasforma in un’accesa battaglia per lo spettatore: “Questo è infantile in tutti i sensi”.