QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Rabbia in Egitto per le barche colorate che dovrebbero scomparire dal Nilo: ‘Fa parte del nostro patrimonio’ ​​| All’estero

Molte barche galleggianti sono ancorate (permanentemente) sulle rive del Nilo nella capitale egiziana, Il Cairo. Uno dei carri sembra in realtà più imponente dell’altro: mentre alcune barche sono abitate da poveri egiziani, altre sono decorate con materiali costosi. Alcune delle barche sono state trasformate in un ristorante, un ufficio o un negozio di articoli sportivi.

Ma soprattutto, secondo alcuni, le barche sono “una parte importante del patrimonio del Cairo”. “Non solo le case in cui alcuni hanno vissuto per decenni, alcune barche sono monumenti storici. Fanno parte del nostro patrimonio e non dovrebbero essere cancellate”. Le persone esprimono il loro malcontento principalmente sui social media.

Le barche sono anche chiamate “boe”. Le boe sono la lingua araba per la flottazione: “Dobbiamo scrivere storie, romanzi e leggende sul Nilo e sulle boe”.

Le chiatte sono state costruite decenni fa e ora non hanno più i permessi corretti, secondo la lettera del governo. Pertanto, il ministero competente avverte che continuerà a rimuovere le imbarcazioni che violano le normative vigenti. Ciò accade nel contesto della modernizzazione della città.

READ  Nuovo scambio di prigionieri tra Mosca e Washington: la sostituzione dei marines americani con un pilota russo